Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Dove maggiore c’è…

- di Giuseppe Cavarra -

 

"Dove maggiore c’è, minore cessa”.


In dialetto siciliano il detto suona così: Unni maggiuri c’è, minuri cessa. Che è poi la traduzione fedele del latino Ubi maior, minor cessat. Il maior è chi detiene il primato in qualunque forma esso si concretizzi: politico, economico, etnico, culturale, etc.
Quasi a sancirne la veridicità, talvolta il detto viene messo in bocca ad un animale: dissi lu puddhicinu nta la massa…, [“disse il pulcino nella massa”], dissi lu scarafàgghju nta la fògghia…[“disse lo scarafaggio”], dissi l’aciddhittu cacanitu…[“disse l’uccellino “cacanido”]: animali innocui, come si vede. Ricordiamo che “cacanido” è l’uccello ancora implume: incapace com’è di volare, fa i suoi bisognini nel nido.


Il detto in una variante da noi raccolta a Messina alla fine del 1989, “nella massa” diventa “nella Massa”, con l’iniziale del sostantivo maiuscola. Il che equivale ad una collocazione geografica del detto in una delle Masse a monte di Messina. In questa veste il detto figura in una quartina che nella città dello Stretto ha ancora larga diffusione:   


Dissi lu parrineddhu di la Massa:
unni maggiuri c’è, minuri cessa;
senza dinari non vi cantu missa,
mancu vi pottu lu mottu a la fossa 


[Disse il pretino della Massa: / dove maggiore c’è, minore cessa; / senza denari non vi canto messa, / nemmeno vi porto il morto alla fossa].

Ultima modifica il Sabato, 08 Ottobre 2016 18:20
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Febbraio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29