Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
rfodale

rfodale

Per Arb. Da non perdere.

- di Maria Teresa Prestigiacomo -

Messina. Aprire il sipario al Teatro Savio per la programmazione 2019-2020 con Massimo Luca, famosissimo arrangiatore per quattro anni delle canzoni di Lucio Battisti, è  un colpo grosso che con la tenacia che contraddistingue ARB Teatro si è  concesso Davide Liotta, direttore artistico di ARB una nuova realtà  messinese che si è  subito imposta nel panorama cittadino, per qualità  ed eccellenza nella musica, nel jazz, nel teatro.

Oggi,si replica ore 18.30, dopo il successo straordinario di Massimo Luca  che ieri mirabilmente, al top delle Sue performances e coinvolgendo il pubblico, si è  reso interprete (massimo interprete)dei nostri  sentimenti universali, trasferiti dai profondi testi  di Mogol e di quella che oggi è  una splendida icona della musica: Lucio Battisti. Emozioni rivisitate in noi, classe anni sessanta, con profonda commozione, ripercorrendo le nostre storie personali, la nostra prima giovinezza, i nostri flirts, che sono stati di certo accompagnati,  volenti o nolenti, nei caffe', nei locali notturni, o in automobile, dalle splendide note di Battisti, innovativa la sua musica e innovativi i testi(dell' infallibile inossidabile Mogol)per i mitici anni Settanta. 

 - di Marcello Crinò -

Questo il cartellone ufficiale degli spettacoli 2019-2020 del Teatro Mandanici: “Tale e Quale Showman” con Manlio Dovì (26 ottobre 2019, ore 21); “La tempesta” di Shakespeare (30 novembre 2019, ore 21) per la regia di Roberto Andò con Renato Carpentieri e con Giulia Andò, Filippo Luna, Vincenzo Pirrotta, Paolo Briguglia, Fabrizio Falco, Paride Benassai Gaetano Bruno; “Love letters” (21 dicembre 2019, ore 21) per la regia di Veruska Rossi con Raul Bova e Rocio Munoz Morales; Gran Concerto di Fine Anno (26 dicembre 2019, ore 18,30) della Banda musicale Placido Mandanici diretta dal maestro Bartolo Stimolo; “Il Lago dei Cigni” del Balletto di San Pietroburgo (19 gennaio 2020, ore 21); Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show (13 febbraio 2020, ore 21); “A che servono gli uomini” (12 marzo 2020, ore 21); la commedia di Iaia Fiastri con Nancy Brilli, con musiche di Giorgio Gaber e regia di Lina Wertmüller.

DSCF1099 teatro mandanici

Per il ciclo “Teatro in famiglia” andranno in scena il mimo e illusionista Oscar Brizzi con “Il Mago diOz nel Paese delle Meraviglie” (10 novembre 2019, ore 18); “Giufà, un viaggio per conoscere, per capire, per crescere” (26 gennaio 2020, ore 18) del Centro Studi Artistici, per la regia di Carmelo R. Cannavò; “La gazza ladra”(22 marzo 2020, ore 18), spettacolo con la regia di Emanuele Gamba, ispirato all’opera di Luzzati e alle musiche di Rossini.

Da aggiungere il concerto di Fiorella Mannoia il 7 dicembre 2019 (ore 21) non organizzato direttamente dal Mandanici ma patrocinato dal Comune di Barcellona.

Con l’occasione della nuova stagione di spettacoli, ripercorriamo la storia del nuovo Teatro Mandanici, intitolato al musicista barcellonese Placido Mandanici, nato nel 1799 e morto a Genova nel 1852.

La costruzione del nuovo teatro, su progetto dell’architetto catanese Giovanni Leone, fu iniziata nel 1980, dopo la demolizione del vecchio teatro, colpito parzialmente da un incendio la sera del 31 maggio 1967. Una costruzione-ricostruzione lunga e complessa, con periodi di fermo dei lavori e danneggiamenti da parte di vandali di opere già realizzate. Il primo problema fu causato dalla natura del terreno, rivelatosi argilloso, tale da rendere necessario l’uso di pali di fondazione, che comportarono un forte aumento dei costi preventivati. In seguito, col passare degli anni, l’ulteriore lievitazione dei costi e mancanza di nuovi finanziamenti ne rallentarono i lavori.

Il 6 agosto 1986 la struttura incompleta del teatro, al rustico, fu inaugurata, a cantiere aperto, con uno spettacolo ideato da Emilio Isgrò, trasmesso in diretta televisiva su Raitre. Isgrò scrisse il testo di Didone Adonais Domine, affidandone la regia a Memè Perlini, con attrice protagonista Francesca Benedetti, mentre della bellissima scenografia si occupò Antonello Aglioti. Scenografo e regista utilizzarono al meglio le strutture non complete del teatro e la scena centrale. Dove il progettista aveva previsto un vuoto cilindrico per collocare i meccanismi scenici del palcoscenico, gli artefici dello spettacolo lo riempirono d’acqua, conferendogli un’altra funzione, quella del pozzo (di Gotho) della storia cittadina, e coprendolo in parte con un tavolato con funzione di palcoscenico vero e proprio.

La svolta avvenne nel 2010, con il progetto di completamento che rimodulò l’assetto progettuale iniziale che prevedeva un teatro di concezione moderna, a scena centrale. L’assetto definitivo vede ora sostanzialmente un teatro “all’italiana”, con galleria, platea, fossa orchestrale e palcoscenico, con retropalco fornito di botole per le necessità sceniche. Il nuovo teatro conta quasi mille posti, con la platea collocata in metà dell’area inizialmente prevista per la scena centrale.

L’inaugurazione è avvenuta il 31 marzo 2012, ma solo all’esterno, in quanto, a seguito dell’esposto di un cittadino secondo il quale il teatro non era ancora in piena regola con le norme di sicurezza e agibilità, lo spettacolo musicale si è svolto all’aperto, nel giardino del teatro, mentre sono state compiute visite guidate all’interno per gruppi di cento persone per volta, proseguite il giorno dopo. Il nuovo teatro è stato aperto al pubblico, con la prima stagione teatrale e musicale, il 6 dicembre 2014.

13 ottobre 2019

- di Gennaro Galdi -

Bruxelles. Valeria Sgroi con le sue opere approda a Bruxelles dal giorno 8 dicembre al giorno 8 gennaio, con le sue straordinarie opere astratte che parlano al cuore,  ai sentimenti  di quei siciliani in particolare che vedono nella pittura della artista catanese emergente, i colori della loro Terra del loro mare di Sicilia, delle campagne  dorate di sole e inebrianti di fragranze di zagare, colori caldi o freddi ma sempre brillanti e "appassionanti"intriganti...alla ricerca di quella  identità mai tradita.

IMG 20191009 WA0008

Valeria Sgroi ,  presentata dal noto critico internazionale prof Maria Teresa Prestigiacomo  giornalista  direttrice rivista internazionale,di recente  ha esposto al Castello di Aci castello in una collettiva di prestigio  ma adesso,  a Bruxelles e' il momento di consacrarsi pittrice internazionale  con una mostra d' arte a due passi dalle griffes internazionali,  dal Tribunale e dal noto mercato chic degli aantiquari.

IMG 20191009 WA0009

- di Marcello Crinò -

Sabato 12 ottobre 2019 si è rinnovata in tutta Italia la “Giornata del contemporaneo” organizzata dall’AMACI, Associazione dei musei d’arte contemporanea italiana, giunta ormai alla quindicesima edizione. A Barcellona Pozzo di Gotto hanno aderito all’iniziativa il Museo Epicentro di Gala fondato e diretto da Nino Abbate, il Museo Didattico della grafica Foscolo curato da Enzo Napoli, nato all’interno dell’Istituto Comprensivo Foscolo diretto da Felicia Maria Oliveri e la Galleria Progetto Città diretta da Rosario Andrea Cristelli.

IMG 0552

Abbiamo seguito l’inaugurazione della mostra allestita proprio in questo museo, dal titolo “Diversità è identità”, con la partecipazione di Antonello Alagna, Fabrizio Ciappina, Gabriella Donato, Patrizia Donato, Matteo Dragà, Giovanni Gargano, Daniela Genovese, Viviana Genovese, Tina Maio, Paola Pensabene, Silvia Ripoll, Marco Rizzo, e opere solo in mostra di Luigi Ghersi, Giuseppe Santacroce e Ines Suigo.

La mostra si è avvalsa del patrocinio culturale dell’Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), dell’Università della Terza Età della Città di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), dell’Ordine degli architetti della provincia di Messina e della Fondazione Architetti del Mediterraneo di Messina. All’inaugurazione sono intervenuti Rosario Andrea Cristelli, l’assessore comunale alla cultura Angelita Pina e il rettore dell’Università della Terza Età Tanina Caliri.

“La mostra – afferma il curatore Cristelli – vuole indagare il tema della diversità come valore aggiunto, manifestazione di una identità personale ben riconoscibile. Dalla pittura alla scultura, dalla fotografia all’installazione, alla performance. L’espressività contemporanea si manifesta come frutto di ricerca personale, di esperienza e quindi di rappresentazione di se stessi, con la necessità di lasciare un messaggio al visitatore, piuttosto che un interrogativo se non una affermazione. Una nuova verità artistica manifestata attraverso il proprio linguaggio espressivo.”

IMG 0556

Si è trattato di una mostra dove alcuni degli artisti partecipanti, come Matteo Dragà e Gabriella Donato, hanno invitato il pubblico a lasciare dei segni e delle scritte su appositi supporti. Il pubblico ha partecipato ben volentieri alle sollecitazioni degli artisti.

Fa riflettere la circostanza che vede la pressoché totale assenza da questi eventi artistici strettamente legati ai linguaggi contemporanei dei “pittori” che popolano la città, quelli, tanto per intenderci, che dipingono paesaggi e ritratti “leziosi”, mostrando anche in questo modo la loro lontananza dai nuovi modi di fare arte.

12 ottobre 2019

***

- di  M. C. -

Domenica 27 ottobre 2019, nell’Auditorium del Parco Maggiore Giuseppe La Rosa, si svolgerà la Seconda edizione del “Premio Civitas Europa”, organizzato dalla testata “Sicilia Occidente”, fondata e diretta dal lontano 1986 da Mario Alizzi.

Già nella precedente edizione questo premio si è caratterizzato per la significativa diversità dei settori in cui è strutturato e per l’eccezionalità dei premiati, anche di validità nazionale. L’oggettivo riscontro positivo dell’anno scorso fa ben prevedere che, pure e di più nella prossima edizione, i premiati nei vari settori saranno di alto spessore, di livello nazionale e perfino internazionale. Il Premio intende omaggiare dei Siciliani che, nel tempo, si siano chiaramente distinti in diversi campi, dando lustro alla nostra Regione.

Questi i premiati dei settori del Premio: ARTE E CULTURA: Sezione Pittura e /o Scultura: Lorenzo Chinnici; Pippo Messina; Tindaro Stracuzzi. STUDI, RICERCHE E PROMOZIONE CULTURALE: Andrea Italiano. ARTIGIANATO, LAVORO ED IMMAGINE: Alessandro Consoli, pizzaiolo; Loris Calarco Re Gelato. SPORT: Asd Dream team Taekwoondo; Asd Mortellito; Antonio Trio. ARTISTI E VALORIZZAZIONI TRADIZIONI POPOLARI: Compagnia teatrale “TABULA RASA” di Milazzo; Melo Corica e Giovanni Corica. FATTI E PERSONE: Santino Smedili; Elvira Alberti. EDITORIA, LIBRI E STAMPA: Maria Cacciola; Onda TV; AM; Franco Perdichizzi. PREMIO SPECIALE: Enzo Trantino. ALLA MEMORIA: Nino Pino Balotta.

Come lo scorso anno, nella prima edizione, anche per questa seconda, nomi e personaggi di prestigio nei diversi settori, come il Pittore Lorenzo Chinnici, originario di Meri (Me) ed ormai di fama internazionale, con esposizioni di grande livello in Italia e nel resto d’Europa, ma anche negli USA e Mosca. Quest’anno anche Pippo Messina, pittore e scultore barcellonese, artista eclettico forse più conosciuto a livello nazionale.

L’On. Avv. Enzo Trantino, Principe del Foro non solo di Catania da decenni, riconosciuto per l’alta competenza e trasparente impegno da tutte le forze politiche, ma, ovviamente, premiato per il suoi alti meriti professionali e culturali, come scrittore, ma non solo, dando molto prestigio alla nostra Terra.

Grande soddisfazione, inoltre, da parte degli organizzatori, per la presenza del milazzese Antonio Trio, campione nazionale di salto in lungo e prossimo olimpionico che sarà premiato per il Settore Sport, per la sua vita e carriera e quale esempio di spirito di sacrificio, impegno morale e fisico e l’orgoglio che rappresenta per la sua Milazzo ed in generale per la nostra Sicilia. Sicuramente, il 27 ottobre a Barcellona, saranno molto numerosi i suoi estimatori e sostenitori che lo vorranno vedere ed incontrare in una atmosfera di cordialità e di festa.

12 ottobre 2019

- di M. C. -

Con “Tale e Quale Showman”, il seguitissimo varietà-cabaret firmato Manlio Dovì, fatto di battute fulminanti e imitazioni esilaranti, musica e balletti, sabato 26 ottobre 2019 alle ore 21 si inaugura, a grande richiesta e con biglietti a partire da 8 euro, la Stagione 2019/2020 del Teatro Mandanici, che vedrà anche Renato Carpentieri, Raul Bova e Rocio Munoz Morales, Massimo Lopez, Tullio Solenghi e Nancy Brilli, i virtuosi del Balletto di San Pietroburgo e i musicisti della Banda musicale Placido Mandanici.

DSCF0942 2 Teatro Mandanici

“Il pubblico di Barcellona Pozzo di Gotto mi ha accolto in precedenza con affetto e calore e molto numeroso – dichiara Manlio Dovì –. Sarà così anche questa volta. Mi aspetto che, trovandoci in uno dei luoghi più belli che la vita ci ha regalato, e cioè il teatro, trascorreremo tutti insieme due ore tra sogno e realtà, E che alla fine gli spettatori tornino a casa un po’ più ricchi. Magari solo nell’animo. Di questi tempi … è già moltissimo”.

“Tale e Quale Showman” – prosegue Manlio Dovì, siciliano doc, nato a Palermo da genitori catanesi, sul palco da quando aveva 17 anni e da tempo beniamino delle platee teatrali e televisive nazionali – “è allo stesso tempo una carrellata di figure e situazioni e un recital autobiografico”. Un racconto che sarà punteggiato, come sempre, dalle imitazioni che hanno fatto il successo di Dovì: da Clinton a Bossi, da Cossiga a Carlo d’Inghilterra fino all’inedita imitazione di Mattarella. “Tra passato e presente, ci saranno tutti i protagonisti della politica. Un po’ come i burattini di Mangiafuoco. Quella sera sarò io Mangiafuoco, ma nella realtà sappiamo che è l’esatto contrario”.

12 ottobre 2019                                                                              

Associazione Culturale

 

Un nuovo live, per nuove emozioni “La chitarra di Lucio canta Battisti” ripercorre la storia musicale di Massimo Luca, chitarrista storico di Lucio Battisti, ma anche di Fabrizio De Andrè, Paolo Conte, Mina, Adriano Pappalardo, Francesco Guccini, Loredana Bertè, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Mia Martini e tanti altri giganti della musica italiana. Ad accompagnarlo sul palco, gli Aedo con Pippo D’Andrea (batteria), Felice La Rocca (tastiere, programmatore, sintetizzatore), Rosita Morabito (pianoforte), Federica Fornaro (chitarra elettrica), Aurelio Bandiera (basso), Alfredo Restuccia (sax), Francesca D’Andrea (corista).

Si replica domenica 13 alle ore 18.30.

biglietto intero € 15
ridotto € 13 (over 60 e under 35)
tariffa gruppi da e oltre 5 spettatori € 11
socio ARB e CRAL convenzionati € 10

BIGLIETTERIA ON LINE PER SABATO 12 OTTOBRE ORE 21

https://www.clappit.com/biglietti-arb-associazione-culturale/massimo-luca-la-chitarra-di-lucio-canta-battisti_sp_21330.html

BIGLIETTERIA ON LINE PER DOMENICA 13 OTTOBRE ORE 18,30

https://www.clappit.com/biglietti-arb-associazione-culturale/massimo-luca-la-chitarra-di-lucio-canta-battisti_sp_21331.html

Calendario

« Ottobre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31