Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Barcellona Pozzo di Gotto: il cartellone 2019/2020 del Teatro Mandanici

 - di Marcello Crinò -

Questo il cartellone ufficiale degli spettacoli 2019-2020 del Teatro Mandanici: “Tale e Quale Showman” con Manlio Dovì (26 ottobre 2019, ore 21); “La tempesta” di Shakespeare (30 novembre 2019, ore 21) per la regia di Roberto Andò con Renato Carpentieri e con Giulia Andò, Filippo Luna, Vincenzo Pirrotta, Paolo Briguglia, Fabrizio Falco, Paride Benassai Gaetano Bruno; “Love letters” (21 dicembre 2019, ore 21) per la regia di Veruska Rossi con Raul Bova e Rocio Munoz Morales; Gran Concerto di Fine Anno (26 dicembre 2019, ore 18,30) della Banda musicale Placido Mandanici diretta dal maestro Bartolo Stimolo; “Il Lago dei Cigni” del Balletto di San Pietroburgo (19 gennaio 2020, ore 21); Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show (13 febbraio 2020, ore 21); “A che servono gli uomini” (12 marzo 2020, ore 21); la commedia di Iaia Fiastri con Nancy Brilli, con musiche di Giorgio Gaber e regia di Lina Wertmüller.

DSCF1099 teatro mandanici

Per il ciclo “Teatro in famiglia” andranno in scena il mimo e illusionista Oscar Brizzi con “Il Mago diOz nel Paese delle Meraviglie” (10 novembre 2019, ore 18); “Giufà, un viaggio per conoscere, per capire, per crescere” (26 gennaio 2020, ore 18) del Centro Studi Artistici, per la regia di Carmelo R. Cannavò; “La gazza ladra”(22 marzo 2020, ore 18), spettacolo con la regia di Emanuele Gamba, ispirato all’opera di Luzzati e alle musiche di Rossini.

Da aggiungere il concerto di Fiorella Mannoia il 7 dicembre 2019 (ore 21) non organizzato direttamente dal Mandanici ma patrocinato dal Comune di Barcellona.

Con l’occasione della nuova stagione di spettacoli, ripercorriamo la storia del nuovo Teatro Mandanici, intitolato al musicista barcellonese Placido Mandanici, nato nel 1799 e morto a Genova nel 1852.

La costruzione del nuovo teatro, su progetto dell’architetto catanese Giovanni Leone, fu iniziata nel 1980, dopo la demolizione del vecchio teatro, colpito parzialmente da un incendio la sera del 31 maggio 1967. Una costruzione-ricostruzione lunga e complessa, con periodi di fermo dei lavori e danneggiamenti da parte di vandali di opere già realizzate. Il primo problema fu causato dalla natura del terreno, rivelatosi argilloso, tale da rendere necessario l’uso di pali di fondazione, che comportarono un forte aumento dei costi preventivati. In seguito, col passare degli anni, l’ulteriore lievitazione dei costi e mancanza di nuovi finanziamenti ne rallentarono i lavori.

Il 6 agosto 1986 la struttura incompleta del teatro, al rustico, fu inaugurata, a cantiere aperto, con uno spettacolo ideato da Emilio Isgrò, trasmesso in diretta televisiva su Raitre. Isgrò scrisse il testo di Didone Adonais Domine, affidandone la regia a Memè Perlini, con attrice protagonista Francesca Benedetti, mentre della bellissima scenografia si occupò Antonello Aglioti. Scenografo e regista utilizzarono al meglio le strutture non complete del teatro e la scena centrale. Dove il progettista aveva previsto un vuoto cilindrico per collocare i meccanismi scenici del palcoscenico, gli artefici dello spettacolo lo riempirono d’acqua, conferendogli un’altra funzione, quella del pozzo (di Gotho) della storia cittadina, e coprendolo in parte con un tavolato con funzione di palcoscenico vero e proprio.

La svolta avvenne nel 2010, con il progetto di completamento che rimodulò l’assetto progettuale iniziale che prevedeva un teatro di concezione moderna, a scena centrale. L’assetto definitivo vede ora sostanzialmente un teatro “all’italiana”, con galleria, platea, fossa orchestrale e palcoscenico, con retropalco fornito di botole per le necessità sceniche. Il nuovo teatro conta quasi mille posti, con la platea collocata in metà dell’area inizialmente prevista per la scena centrale.

L’inaugurazione è avvenuta il 31 marzo 2012, ma solo all’esterno, in quanto, a seguito dell’esposto di un cittadino secondo il quale il teatro non era ancora in piena regola con le norme di sicurezza e agibilità, lo spettacolo musicale si è svolto all’aperto, nel giardino del teatro, mentre sono state compiute visite guidate all’interno per gruppi di cento persone per volta, proseguite il giorno dopo. Il nuovo teatro è stato aperto al pubblico, con la prima stagione teatrale e musicale, il 6 dicembre 2014.

13 ottobre 2019

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Novembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30