Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Barcellona Pozzo di Gotto: Enrico Ruggeri coinvolge la platea del Teatro Mandanici

 - di Marcello Crinò - 

Ha davvero coinvolto i numerosi fan giunti da ogni parte della provincia il cantautore, ma anche scrittore, conduttore televisivo e radiofonico, Enrico Ruggeri nel suo concerto al Teatro Mandanici, sabato 6 aprile 2019. Voce grintosa, mai melenso come spesso accade ai cantanti italiani che vanno per la maggiore, Ruggeri ha convinto il pubblico con il suo concerto dove ha proposto vecchi e nuovi brani della sua lunga attività che l’ha visto anche vincitore per due volte al Festival di Sanremo nel 1987 e nel 1993 con il brano “Mistero”, cantato proprio a conclusione del concerto. Lo spettacolo di Barcellona viene subito dopo il primo del  nuovo tour, iniziato al Teatro Mascagni di Chiusi il 4 aprile. Accompagnato dai validissimi Francesco Luppi al pianoforte, Paolo Zanetti alla chitarra e Davide Brambilla alla tromba e alla fisarmonica, ha proposto vecchi brani, divenuti dei veri e propri classici della musica d’autore italiana, ma anche  i nuovi brani del suo trentacinquesimo album di inediti, atteso da anni, intitolato “Alma”. Undici i pezzi presenti nell’album: “Come lacrime nella pioggia”, “Il costo della vita”, “Un pallone”, “Cuori infranti”, “Supereroi”, “Il labirinto”, “L’amore ai tempi del colera”, “Il treno va”, “Il punto di rottura”, “Cime tempestose”, “Forma 21”.

DSCF1921

 

“Alma” rappresenta un compendio dell’arco artistico di Ruggeri, un lavoro tra rock e canzone, tra autobiografia e racconto. Ed  è già stato osannato dai critici di tutta Italia. “Sono felice – ha dichiarato Ruggeri sui social – perché ho incassato un plebiscitario consenso sull’album. Sono rimasti tutti stupiti per le sonorità, ritenute inusuali e innovative. Dal punto di vista del suono, decibel a parte, dicono sia la cosa più interessante che io abbia mai fatto. Grazie a tutti quelli coi quali ho scambiato vita e opinioni”. Ha avuto parole di elogio per “questa meraviglia di teatro”, riferendosi al teatro che l’ha ospitato, dove ha potuto apprezzare il calore del pubblico. Il Mandanici, per la sua struttura, ben si presta al coinvolgimento del pubblico, che può stare anche a pochi metri dai cantanti.

DSCF1931

 

La serata è stata aperta da Lucio Catania, responsabile dell’Ufficio Teatro, che come si ricorderà è gestito direttamente dal Comune di Barcellona. Ha rammentato che quando era giovane faceva il dj in una radio privata, dove trasmetteva spesso i dischi di Ruggeri, e adesso si trova qui, con una certa emozione, a presentarlo e ascoltarlo dal vivo. E infine, a proposito di alcune voci diffusesi nei giorni scorsi sul pignoramento del Teatro Mandanici, ha detto che il teatro resta del Comune. In effetti, da quanto si è appreso dagli organi di stampa, è stata una “provocazione” operata dall’avvocato  Benvegna per non essere stato ascoltato nelle sue richieste dagli ultimi tre sindaci succedutisi a Barcellona.

DSCF1934

I prossimi appuntamenti al Mandanici: il 27 aprile uno spettacolo con Mogol che racconterà la sua carriera artistica e le collaborazioni con i cantanti; il 18 maggio “D’Artagnan e i 3 moschettieri”, prodotto dal Mandanici, e infine a novembre  “La Tempesta di Shakespeare” con la regia di Roberto Andò.

7 aprile 2019

Ultima modifica il Domenica, 07 Aprile 2019 12:17
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30