Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Cincu, li tocca di campana - Ode di Antonio Cattino.

 
a targain lingua  siciliana–dedicata al patriota Giuseppe Sciva
nel giorno della scopertura della lapide in suo onore  da parte
dell’Associazione Culturale ASAS e donata al Comune di Messina
.


Cincu, li tocca di campana
e ancora lu suli ca dimura
a fari nasciri stu jornu di svintura
unni puru l’ogghiu di la lampa
la strata di lu micciu chiù non ‘nserta ;

Battunu a la porta di la cella
lu marasciallu cu li so’ sirventi
e du’ monaci ‘nta li so’ cialomi
c’ ‘u surdateddu chi l’acqua santa teni
chi russu sangu divintata pari;

‘Ssittatu ‘nta spunna d’’u so lettu
varda lu catu supra di lu scannu
e pari ca ‘ntò chiaru d’’u matinu
salutu a un cumpagnu sta facennu
comu pi’ diri: “minni staiju annannu”;

Ci leggiunu ‘na carta aunni dici:
“lu Riali Tribunali  di Missina
cunnanna a la pena di la morti
pi l’indumani ,Sciva ‘ntisu Peppi
mastru scarparu d ‘anni vinti setti”

“P’ havìri isatu cu’ primeditazioni
la so arma  contru li surdati
aizzannu la fudda cunvinuta
contra la riali maijstati,
pi’ livarici a lu Re Firdinandu
di la citadi di Missina lu cumannu ”


“Staiju vinennu” Peppi ci rispunni
“tiniti ‘sta littra pi me muggheri
dicitici chi cianciu la me sorti
mi pirdunassi  pi ‘stu gran duluri
chi ci lassai pi la so svintura”;

“A me figgiu mi lu baciassi forti
e ci dicissi chi so patri non tradiu
li so cumpagni e mancu li so amici
suppurtannu li savizij chiù atroci ;

E parti ‘sta dulenti cumpagnia 
jè niru vistutu Peppi
scausu, cu’ nira fascia ‘ntesta
lu marasciallu lu teni a la catina
pi’  cunsularlu cu’ ‘na paluredda
ci parra d’’u tempu chi schizzìa ;



‘I don Brascu nesciuni a filera
intra a la Cittadella vannu lenti
pir  la Chiazza d’Armi su’ diretti
unni  s‘havia chiudiri  ‘sta storia
infami, vuluta d’omini fitenti;

Spetta lu plutuni già alliniatu
lu capitanu passia scunsulatu
ci mettunu davanti ‘u cunnannatu
un monacu cuntinua a prijari
la stola viola lu ventu fa isari;

Poi dugna lu cumannu a lu plutuni
si sentunu li spari ‘dda matina
longu sghiggìa la cucca e sinni vola
e Peppi cadi  avanti  a ginucchiuni
“a nuddu tradia !” fu l’ultimu lamentu
e poi si distenni’nterra  ‘nta la rina;

Lu celu chi già ‘i grigiu era tinciutu
mentri ‘u monacu dugna l’unzioni
niru diventa comu di carbuni
lu suli, chi c’havia acora ritardatu,
s ‘ammuccia, pir non  essiri vardatu;

‘Ddu dui d’ottobri d’’u quarantasetti
intra li mura infami di ‘ddu forti
la vita ci livaru a Peppi Sciva
e pir Missina fu tutta ‘na cianciuta;

Ora cu’ gran rispettu lu ricurdamu
l’unuri è soi e gilusi lu sarbamu
a li figghioli  ‘stu ricordu cunsignamu
chi fina a ora l’ esempiu iddu n’insigna
jè di luttari pir l’idei a facci aperta!

‘Sta petra chi a iddu è didicata
pi’  lu so amuri pir la libirtati
ritorna a dari lustru a ‘sta citadi.

ONURI PI’SEMPRI A GIUSEPPI SCIVA  !!!

Antonio Cattino 10.10. 2013,ogni diritto risevato secon do legge.



Traduzione in lingua Italiana:

Cinque,i tocchi di campana:

Cinque,i tocchi di campana/e ancora il sole ritarda/a far nascere questo giorno di sventura /
dove pure l’olio della lampada/ non indovina la strada dello stoppino;

Bussano alla porta della cella/il maresciallo coi suoi aiutanti/e due frati nelle loro litanie/
col soldatino che porta l’acqua santa/che rosso sangue pare diventata;

Seduto alla sponda del suo letto/guarda il catino sopra il suo sgabello/e pare che nel chiaro
del mattino/saluto a un compagno stia facendo/come per dire :”me ne sto andando”;

Gli leggono una carta dove dice:” Il Reale Tribunale di Messina/condanna alla pena della morte/
per l’indomani,Sciva inteso Peppe ,maestro calzolaio di anni ventisette”;

“Per avere alzato con premeditazione/la sua arma contro i soldati/aizzando
la folla convenuta/contro la reale maestà/per togliere al re Ferdinando/
della città di Messina il dominio”

”Sto venendo Peppe risponde/tenete questa lettera per mia moglie/ditele
che rimpiango la mia sorte/e mi perdoni per questo gran dolore/che le ho lasciato per la sua sventura”;

“ A mio figlio me lo baciasse forte/e gli dica che suo padre non ha tradito/isuoi compagni e neanche i suoi amici/sopportando le torture più atroci”;

E parte questa dolente compagnia/Peppe è vestito di nero/scalzo,con una nera fascia in testa/
il maresciallo lo tiene per la catenella/per consolarlo con una parolina/gli parla del tempo che pioviggina;

Da don Blasco escono in fila/e vanno lenti dentro la Cittadella/sono diretti verso la Piazza d’Armi/
dove si doveva chiudere questa storia/infame voluta da uomini da poco;

Attende il plotone già allineato/il capitano passeggia sconsolato/mettono loro davanti il condannato/
un frate continua a pregare/la sola viola il vento fa alzare;

Poi da il comando al plotone/ si sentono gli spari quella mattina/la civetta fa un lungo squittio e vola via/
Peppe cade in avanti in ginocchio/ “non ho tradito nessuno” fu l’ultimo lamento/e poi a terra si distende sulla sabbia;

Il cielo che già di grigio era tinto/mentre il frate da l’unzione/nero diventa come di carbone/il sole,
che aveva ancora ritardato/si nasconde per non essere guardato;

Quel  due d’ottobre del quarantasette/dentro le mura infami di quel forte/la vita hanno tolto a  Peppe Sciva/e per Messina è stato tutto un pianto;
Ora con gran rispetto lo ricordiamo/l’onore è suo e gelosi lo conserviamo/ai giovani questo ricordo consegniamo / perchè finora l’esempio a noi insegna/è di lottare per le idee a viso aperto!
Questa pietra che a lui è dedicata/per il suo amore per la libertà/ritorna a dare lustro a questa città.
ONORE PER SEMPRE A GIUSEPPE SCIVA !!!
Antonio Cattino – 10 ottobre 2013.









Ultima modifica il Domenica, 10 Novembre 2013 07:51
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31