Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

ULTIMO AFFETTUOSO ADDIO AL CARISSIMO AMICO LIO SOTTILE

- Di Giuseppe Messina -                      

   È veramente un colpo violento, dopo Gianni Biondo, Nino Gentile, Masino Aricò ed altri, ancora uno, un altro caro amico artista se ne va lasciando un incolmabile vuoto. Proprio come un improvviso tuono nel cuore della notte che ci sveglia dal riposante sonno e ci fa scoprire che il caro Lio Sottile non è più di questo mondo. Egli aveva frequentato l’università di Palermo, era architetto e docente di materie artistiche, ma anche pittore e scultore. Era una persona umile, generosa, disponibile, gioviale e di buona compagnia. Non sembra vero che non ci sia più, ma di lui resta l’impronta del suo passaggio: un archivio personale di opere d’arte, ma anche pale d’altare in diverse chiese ed opere bronzee in spazi pubblici.

   Con Lio Sottile ci eravamo contattati il giorno 1 di gennaio scorso per farci vicendevolmente gli auguri di compleanno e per il nuovo anno. Nulla che potesse fare immaginare che a poca distanza di tempo ci avrebbe lasciati.

LIO SOTTILE ALLOPERA

   Con Lio c’era una stima reciproca eccezionale, tant’è che, insieme, abbiamo vissuto tante avventure artistiche, abbiamo condiviso, da sempre, la passione per la pittura e la scultura classica, pur non disdegnando di cimentarci nell’arte concettuale e d’avanguardia. Non potrei dimenticare che in occasione della pubblicazione del mio poema “La leggenda di Omero”, essendo molto impegnato, non ho potuto realizzare da me le illustrazioni com’era mio desiderio, per tanto ho pensato di ricorrere alla professionalità di un altro artista. La scelta d’obbligo e caduta su un vecchio caro amico, un professionista da me sempre stimato, per la sua seria, costante capacità di ricerca laboriosa in materia di stile e tecnica. Conoscevo Lio Sottile da decenni e non ci univa soltanto la pittura e la scultura, la nostra era veramente una grande amicizia. Non ignoravo la sua paziente, pignola attenzione nello studio dell’anatomia del corpo umano e delle cose in generale. Desideravo che fosse lui a realizzare le illustrazioni della mia opera letteraria, e lui ha accettato, senza nessuna remora, quando gli ho fatto la proposta.

   Ci siamo ritrovati, per diverse sere, seduti davanti al camino in casa mia a leggere il poema, per avere un’idea completa del lavoro che si stava affrontando. Lio, ha intuito immediatamente qual’era il mio desiderio, tanto è vero che ha incominciato subito a schizzare, di getto e ha creato delle immagini istantanee, limpide, con un disegno veloce, intanto che io leggevo. Poi, quei bozzetti sono diventati acquerelli e quindi illustrazioni del mio libro i cui originali sono stati esposti ovunque è stato presentato il poema e che avranno sempre un posto d’onore all’interno del mio “Oikos Museion”.

   Adesso a lui va il mio affettuoso pensiero e l’abbraccio fraterno ai suoi cari.

  

Ultima modifica il Lunedì, 31 Gennaio 2022 12:57
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Maggio 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31