Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

MICHAEL JACKSON DI NUOVO IN SCENA A ROMA CON “DANCING THE DREAM”

- di Francesca Rossetti -

La compagnia “Dancing the Dream” di Roma sta per tornare sulle scene capitoline con il suo bellissimo spettacolo dedicato a Michael Jackson ed ecco cosa ci racconta il fondatore e direttore, Gianni D’Andria, che interpreta il Re del Pop.

Il prossimo 22 ottobre, all'Auditorium Santa Chiara di Roma, ci sarà la rappresentazione di "Dancing the Dream", dedicato a Michael Jackson dopo il grande successo di Ancona dello scorso 9 aprile. Lo spettacolo è bellissimo ed ogni volta che si rivede è come se fosse la prima: ci saranno delle novità rispetto al la rappresentazione andata in scena ad Ancona? 

“Ciao Francesca, il 22 Ottobre per festeggiare il mio 43esimo compleanno sarò insieme alla mia compagnia Dancing The Dream in scena con il mio spettacolo "Danzando il Sogno...Michael Jackson". Ispirato all'omonimo libro scritto da Michael Jackson, nello spettacolo ho voluto raccontare non solo la parte artistica di un genio assoluto ma anche far uscire la parte più intima di Michael, portando alcuni dei suoi messaggi più belli e meno conosciuti tra i non fans. Ti ringrazio per i complimenti...se lo spettacolo piace così tanto, credo perchè ognuno di noi si può identificare nel protagonista dello show Giovanni ( interpretato dal talentuoso Christian Roberto ) che farà del tutto per realizzare i suoi sogni. E chi di noi non ha un sogno nel cassetto da realizzare? Come ogni volta che presentiamo lo spettacolo  anche per il 22 ottobre ci sarà qualche novità...ogni volta non è mai del tutto uguale alle repliche precedenti ma ovviamente la struttura rimane sempre la stessa.”

Qual è il segreto per interpretare Michael diventando identico nei passi e nei movimenti, visto che il suo modo di danzare è molto impegnativo e particolare, e rendendo viva la sua anima al pubblico?

“Ci tengo a dire  che nessuno può diventare identico nei passi e nei movimenti, Michael è unico ed è impossibile replicare qualcosa creata da un genio. Nessuno potrà mai sentire quello che sentiva lui quando creava quella musica e quei passi divini. L'unica cosa che cerco di fare io è di studiare i suoi passi con attenzione. Ma quando salgo su un palcoscenico per interpretare Michael...porto semplicemente me stesso, con le mie emozioni, il mio modo di sentire la musica ed il mio modo di esprimermi cercando di tramutare il movimento in armonia per come riesco a viverlo io. Forse è per questo che vengo apprezzato: perché non ho la presunzione di imitarlo cercando di diventare quello che non potrò mai essere. E forse è quello che ha apprezzato Michael quando mi ha visto ballare e mi ha regalato l'applauso più bello della mia vita.”

Come sono stati scelti gli attori del cast e qual è il loro background artistico?

“Ho la fortuna di lavorare con un cast di altissimo livello. Ci sono 16 persone che lavorano intensamente per portare avanti questo progetto. Uno show di 2 ore ballato, recitato ed in parte cantato. Facciamo tutti grandi sacrifici per portare uno spettacolo professionale auto producendoci, tante prove e tutta l'organizzazione fatta con le nostre forze e con l'aiuto di alcuni amici che ci seguono dal primo anno come il MICHAEL JACKSON SHOP ( fedele compagno di viaggio ). Le ballerine hanno stili differenti tra di loro ma il gruppo è ben amalgamato e sul palco la resa è ottima, c'è sempre una grande energia...è difficile guardare il nostro show senza aver voglia di alzarsi in piedi a ballare! Gli attori/cantanti hanno una formazione di alto profilo e vantano curriculum importantissimi, con grande esperienza nel musical, caratteristica fondamentale che ne ha portato alla selezione e all'inserimento nel progetto.

Mentre il protagonista Christian Roberto l'ho conosciuto in tenera età durante il programma Italian's got talent - è stata una delle rivelazioni della prima stagione e tra noi è nato subito un feeling per l'amore comune per Michael. Pian piano è nata una amicizia anche con la famiglia e quando ho deciso di mettere in scena la mia storia personale ho parlato con i genitori e Christian è stato subito felice di prenderne parte. Sono onorato che sia nel cast ed oggi è un'artista affermato, appena premiato agli Italian Musical Awards come Miglior Attore Non protagonista.” 

Quali sono le lezioni di vita più importanti che hai imparato da Michael e che lo spettacolo comunica?

“Michael mi ha insegnato molto e molto continua ad insegnarmi. E' un fedele compagno di viaggio in questa mia vita che con i suoi messaggi di positività ha sempre illuminato il mio cammino. Mi ha insegnato ad apprezzare le cose semplici, il rispetto per la natura e per il prossimo. Mi ha insegnato a credere nei miei sogni e a farlo in grande e a lottare contro ogni difficoltà per riuscire a realizzarli. Ha amplificato il mio amore per l'arte e a ricercare sempre il positivo e il bello che è intorno a noi, stuzzica la mia fantasia ed è una fonte di ispirazione inesauribile...posso dire che anche se oggi sono un ballerino e coreografo i suoi insegnamenti spaziano su tutti i fronti e non sono limitati all'ambito professionale. Per me è uno dei grandi maestri del cielo! Vivo in puro MJ style :) La sua arte mi mette in armonia con ciò che mi circonda e sapere che non c'è più fisicamente mi fa soffrire terribilmente, dato che ho sempre considerato Michael come un dono divino per l'umanità, un esempio di amore, grazia, forza e dolcezza da seguire. Nel mio spettacolo ho cercato di mettere tutto ciò raccontandolo con un linguaggio semplice ma che cerca di arrivare dritto al cuore della gente.”

"Dancing the Dream" si ispira al bellissimo libro di poesie di Michael che porta lo stesso titolo: che cosa ti ha colpito maggiormente leggendolo?

“Mi ricordo quando uscì il libro ( in inglese ), chiesi ad una mia amica di aiutarmi a tradurlo. Man mano che lei mi passava le poesie le leggevamo insieme ed insieme ci siamo innamorati della delicatezza e della dolcezza dei suoi messaggi. Una vera e propria rivelazione, cose che già percepivo forte dalle sue bellissime canzoni ma che attraverso la poesia mi hanno travolto come un fiume in piena.

Il suo amore per l'arte e ciò che sentiva tramite la sua danza e la sua musica, per madre natura, per i bambini che sono il nostro bene più grande, il nostro futuro e che tanto dovremmo imparare dalla loro naturale semplicità.

Quel libro mi ispira così tanto che ho deciso di chiamare la mia compagnia proprio con il suo titolo e di dedicargli un intero spettacolo. I suoi scritti sono meravigliosi e  tutti dovrebbero leggere “Dancing the Dream”, perché è un concentrato di positività e conduce alla riscoperta della vera essenza di Michael e della vita.”

In futuro ti piacerebbe realizzare altri eventi per Michael? Quali?

“Certo che sì! Come ti ho detto la mia vita è in puro MJ style e continuerò sempre a creare qualcosa ispirato a lui. Per ora ho voglia di continuare con il mio Show "Danzando il Sogno...Michael Jackson", perché è un progetto nato circa 13 anni fa e in cui credo tantissimo. Vorrei portarlo in tutta Italia! A proposito vi aspetto tutti il prossimo 22 Ottobre presso l'auditorium Santa Chiara in Via Caterina Troiani, 90 - Roma.

Inoltre dallo scorso anno sto lavorando su una nuova idea che è nata il 29 Agosto del 2015 mentre ero in macchina. Una vera e propria folgorazione...E' probabile che M.J. nel giorno del suo compleanno mi sia stato di ispirazione, ma non ti dico nulla, sai come siamo noi artisti, ci piace creare attesa e poi un pizzico di scaramanzia non guasta.”

Che cos'ha di unico e particolare Michael rispetto agli altri artisti e perché è il miglior esempio che un giovane può seguire?

“Per questa risposta potrei scrivere un libro e raccontare delle doti tecniche di Michael o della sua predisposizione allo studio e al'innovazione. Potremmo parlare della sua maniacalità nella ricerca della perfezione e del suo amore smisurato per quello che faceva. Mi limito a dire che Michael era un'artista in connessione con il divino o, per chi non crede, con l'universo. Sapeva vedere e sentire ciò che noi comuni mortali non riusciamo a percepire. Riusciva a tradurre tutto ciò in in un linguaggio semplice ma diretto ed unico, in modo tale che noi tutti ne potessimo godere. Era un uomo ed un artista illuminato e di fronte ad un personaggio così grande non puoi far altro che fermarti a guardare, ascoltare e a vivere quello che ti trasmette per cercare di imparare anche un'infinitesima parte di tutto ciò. Michael era Michael, un uomo che ha saputo fare tutto quando il tutto non era ancora nelle nostre fantasie.”

Un grande grazie a Gianni ed in bocca al lupo per lo spettacolo che sarà un nuovo grande successo e per informazioni e prenotazioni https://www.facebook.com/gianni.dandria.79?fref=ts

Ultima modifica il Giovedì, 13 Ottobre 2016 14:25
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30