Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

VELA D’ORIENTI poesia in lingua poetica siciliana di Antonio Cattino.

untitled macalda

 

Di lu galoppu lu battitu criscenti …

un cavaleri scinni di Punenti

supra un cavaddu jancu

s’avvicinasicutu da sirventi e spadaccina,

smunta l’armatu e varda a Orienti

‘nfunnu lu mari scunfinatu e calmu,

rumpi ‘u silenziu di li cicali ‘u cantu.

Dall’ autu la Luna spanni ‘u so chiaruri‘

stu cavaleri vinni pi’ l’amurichi

da ‘nu lignu ‘dda sarà purtatu

da lu Livanti comu cunvinutu.

Spunta la vela da li Rocchi Russi

un focu s’adduma comu pi’signali

la navi si ferma e ‘na varca cumpari,

lu cavaleri finalmente si distenni

si leva l’elmu e sciogghi li capiddi …

‘mmucciata di ‘ddi ferri e armamenti

di fimmina si tratta certamenti !

Un homu scinni ‘i ‘dda varcuzza lestu

c’un sautu s’allonga pi‘ la plaja

Macalda ! Grida cu’ tutti li so’ sensa,

la signura l’avvicina e lu saluta

l’avvrazza cu’ caluri appassiunatu.

Partunu assemi lassannu Tamariciu

discurrunu ciancu a ciancu cavalcannue

a menza strata si fermanu di latu

a la taverna ‘i l’arvulu ‘gghicatu.

Antonio CattinoAntonio Cattino @ Luglio 2015

Traduzione in lingua italiana:VELA D’ORIENTE

Del galoppo il battito crescente …

un cavaliere scende da Ponente

sopra un cavallo bianco s’avvicina

seguito da serventi e spadaccini,

smonta l’armato e guarda a Oriente

in fondo il mare sconfinato e calmo,

rompe il silenzio delle cicale il canto.


Dall’ alto la Luna sparge il suo chiarore

questo cavaliere è venuto per l’amore

che da una vela lì sarà portato

da Levante come convenuto.

Spunta la vela dalle rocche rosse

un fuoco s’accende come per segnale

la nave si ferma e una barca appare

il cavaliere finalmente si distende

si toglie l’elmo e scioglie i capelli …

nascosta da quei ferri ed armamenti

di donna si tratta certamente!

Un uomo scende da quella barchetta lesto

con un salto s’allunga per la riva,

Macalda ! Grida con tutti i suoi sensi,

la signora l’avvicina e lo saluta

l’abbraccia con calore appassionato.

Partono insieme lasciando Tamaricio

discorrono fianco a fianco cavalcando

e a mezza strada si fermano accostando

alla taverna dell’albero piegato.

Antonio Cattino@ ogni diritto riservato secondo legge.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Maggio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31