Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

SUPERATA LA SOGLIA DELLE 3000 FIRME MALGRADO IL BLACKOUT…

abc

Malgrado il blackout mediatico, la petizione per la riapertura dei cantieri del Ponte sullo Stretto, ha superato le 3.000 firme e si avvia alla conclusione con l’obiettivo del raddoppio. Sembra una fragile linea Maginot, un fremito di difesa di una frazione consapevole di popolazione, che ha intravisto, prima di molti altri, i dati socio-economici negativi descritti dallo Svimez che la disinformazione, però, nasconde natura e cause. Il Ponte di Messina - abortito a cantieri aperti nel 2010 – è il classico caso di SOVRANITA' TERRITORIALE LIMITATA, di cui la Repubblica Italiana è vittima dalla fine della seconda guerra mondiale per gli interessi contrapposti di potenze straniere.

La Francia, paradigma di ‘parenti serpenti’, nel 2011 è partita a razzo contro la nostra fonte energetica principale, la Libia e contro l’ipotesi di una piattaforma intermodale lì di fronte, in Sicilia che, coesa con la penisola, avrebbe potuto essere messa quasi fuori gioco. Solo gli italioti non lo capiscono. Gli anglo-americani per attaccare l'Europa nazi-fascista sono andati in Sicilia, che tuttora detengono come una servetta per i loro interessi geo-militari (invero anche nostri, però senza l’assurda condanna all'isolamento). Ricordare Hillary ai cinesi: "Che intendete fare della Sicilia?" Solo gli italioti non lo capiscono. La Germania per i suoi interessi geo-economici. attorno alla rete portuale nord europea. non vuole concorrenza con Hub gateway in Sicilia e Calabria. Solo gli italioti non lo capiscono e gli ascari meridionali.

Insomma le tre potenze vogliono una Italia debole, più debole di un pugile suonato per i loro esclusivi interessi. Possibile che i nostri governi non capiscano? Messi lì, non sanno che pesci prendere e fanno vittime sacrificali il Sud e, soprattutto, Sicilia, Calabria e Basilicata. Con un meccanismo diabolico vi ha provveduto ‘il più tedesco degli italiani’. Eppure, come sottolinea NonSoloPonte” (www.nonsoloponte.it), c’è anche una bella fetta di turismo da captare puntando sugli attuali 10 milioni di turisti in giro nel Sud Mediterraneo, il grosso dei quali va ‘interessato’ a visitare il Ponte. L’indotto complessivo (ticket ferroviario e gommato, ricavi turistico-commerciali ed energetici rinnovabili) è tale da rendere il Ponte autofinanziabile e auto-sostenibile, e tale da rivoluzionare l’economia dei territori di appoggio siculo-calabri. Un business fantastico anche per i bacini archeo-culturali meridionali (Progetto Arge).

Così si fa turismo, non con chiacchiere da conferenza. E col Ponte si attiva anche l’Alta Velocità sulla quale spara Ernesto Galli della Loggia, sul Corriere, criticando chi aveva ‘annunciato’ la necessità di farla continuare fino a Reggio Calabria, e proclama che il Freccia Rossa non servirebbe a nulla. Forse il grande opinionista ignora che l’A/V servirebbe al trasporto delle merci in container, servirebbe anche a rompere l’isolamento delle tre più derelitte regioni meridionali, ma servirebbe anche ad agevolare il turismo ‘attratto’ dal Ponte come avviene a Parigi con la Torre Eiffel.

Riempirsi la bocca di ‘Questione meridionale’ e parlare al passato, come fa il Galli della Loggia, questo sì non serve a niente. Preferiamo la scelta del Presidente Mattarella che ha parlato di “Nuova Questione Meridionale”. Il Presidente della Repubblica, siciliano dal cuore sanguinante, non avrebbe potuto dire né di meglio né di più, e se si riflette sulla fine di Enrico Mattei e di Bettino Craxi, se leggiamo l'intervista di Nino Galloni a Messora si riuscirà a compiere qualche passo avanti nella comprensione di fenomeni drammatici e complessi della nostra storia unitaria. Non capire gli ingarbugli di questo intrigo significa non riuscire a capire il perché si debba fare il Ponte sullo Stretto. E SUBITO.

Noi comunque continueremo la nostra battaglia invitando quanti hanno firmato, soprattutto quelli più attivi e meno pessimisti, a non demordere. Anzi a porsi l’obiettivo di raccogliere almeno 20 firme a testa e a fornire il proprio nominativo se si intende far parte della delegazione che deve consegnare le firme al Presidente Mattarella nel prossimo autunno.

       - di  Giovanni ALVARO e Cosimo INFERRERA del Comitato Ponte Subito -

Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31