Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Barcellona Pozzo di Gotto: all’Arena Michele Stilo il dramma sulla vita di san Sebastiano

- di Marcello Crinò -

Barcellona ha uno strettissimo legame con la figura di san Sebastiano, in quanto Santo patrono della città. Già nel 1964 il regista Michele Stilo (1929-2000) mise in scena, sul sagrato del Duomo di San Sebastiano, il dramma sacro Sebastiano di Narbona, con Alberto Lupo nei panni del protagonista e Lydia Alfonsi nei panni di Irene, la nobildonna romana che curò Sebastiano dopo il supplizio delle frecce. Nel 1995 pubblicò l’intero “copione”, con la prefazione di Roberto Gervaso, la presentazione di Alessandro Manganaro e la postfazione di Accursio Di Leo. Dell’iconografia di san Sebastiano se ne occupò in maniera approfondita la giovane storica dell’arte barcellonese Mariafrancesca Scilipoti (1981-2012).

DSCF9833

 

Adesso è la volta del giovane regista barcellonese Salvatore Cilona, che ormai da tre anni, ogni estate, propone uno spettacolo teatrale all’Arena Montecroci “Michele Stilo”. Esordì nel 2016 con Il gladiatore, liberamente ispirato al film di Ridley Scott, mentre lo scorso anno propose una rivisitazione del film Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, come omaggio all’attore Gian Maria Volonè, dal film omonimo di Elio Petri.

Venerdì 20 luglio 2018, nell’Arena Michele Stilo (sembra un segno del destino questa continuità tra Stilo e san Sebastiano) piena quasi per metà, Cilona ha messo in scena, come autore, regista e attore protagonista nei panni di Sebastiano, il suo ultimo lavoro, il "Dramma in 2 atti sulla figura storica del Santo Patrono di Barcellona Pozzo di Gotto S. Sebastiano", con il sottotitolo “L'ufficiale romano divenuto martire sotto l'impero di Diocleziano”. Lo spettacolo, organizzato dall’associazione teatrale “Testuggine” e con il patrocinio del Comune di Barcellona,   inizia con il lungo prologo delineante il quadro storico relativo alle persecuzioni cristiane nella Roma pagana, scritto da Tindaro Porcino e letto a più voci dal gruppo dei “Visillanti” della varetta di “Gesù che porta la croce” del Venerdì Santo barcellonese, alternandolo con il canto della “Visilla”.

Le azioni teatrali hanno occupato tutti gli spazi fruibili dell’Arena (gradinate, passerella dietro il palco) e il palcoscenico vero e proprio dove è stata allestita la scenografia unica ma divisa in quattro settori, riprendendo lo schema di quella dello scorso scorso anno suddivisa in tre settori. Viene ripercorsa la vita del santo di Narbona, pretoriano di Dicleziano che abbraccia la fede cristiana, fino alla scoperta da parte dell’imperatore Dicleziano del suo “tradimento”, al supplizio non mortale delle frecce e il supplizio finale. Qui Sebastiano, in un parallelismo con supplizio di Cristo alla colonna viene flagellato a morte e gettato nella Cloaca Massima. La scena della flagellazione culmina con il corpo del santo, ormai morto, portato in spalla per la sepoltura da quattro soldati romani, secondo un’antica iconografia molto diffusa nel mondo antico.

DSCF9825

 

Lo spettacolo, con una bella colonna sonora e un sapiente gioco di luci ed effetti sonori, ha riscosso un grande successo di pubblico, anche se una piccola parte di questo, probabilmente non avvezzo al teatro, commentava ad alta voce le azioni sceniche.

Personaggi ed interpreti: SEBASTIANO, Salvatore Cilona; DIOCLEZIANO, Stefano Impallomeni; PRISCA, Virginia Scoglio; MASSIMIANO, Andrea Italiano; GALERIO, Giuseppe Fazio; COSTANZO CLORO, Luigi Stagno; COMARZIO, Sergio Lupo; TIBURZIO, Giuseppe Cotugno; TORQUATO, Tindaro Porcino; IRENE, Antonella La Rosa; TRANQUILLINO, Mario Lanza; MARZIA, Annamaria Maio; MARCO, Francesco Maestrale; MARCELLIANO, Anthony Foti; ZOE, Rosalba Ocera; CASTULO, Salvatore Mandanici; PRETORIANI, Paolo Chillemi, Tony Sottile, Pasquale Gitto, Carmelo Aliquò; COREOGRAFIE BALLI, Domi Pro Dance;
DIRETTRICE DI SCENA, Corina Elena Danciu; SCENOGRAFIE, Salvatore Cilona, Associazione Teatrale Testuggine e Oratorio Franco Enna (Parrocchia di S. Rocco in Calderà);
COSTUMI, Salvatore Cilona, Francesca Furnari, Associazione Teatrale Testuggine e Oratorio Franco Enna (Parrocchia di S. Rocco in Calderà); EFFETTI SONORI, Salvatore Cilona; CANTO FINALE riadattato da Tindaro Porcino e cantato dai Visillanti; SERVICE PMS.

Ultima modifica il Giovedì, 26 Luglio 2018 06:04
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Marzo 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31