Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Articoli filtrati per data: Giovedì, 05 Settembre 2019

- di Eva della Gherardesca -

Saint Tropetz, France.La bellezza femminile,  da secoli è motivo di grande interesse , studio e ispirazione per pittori intellettuali , musicisti , da Cleopatra alla Venere nell'arte.  Intendo rendere tributo a questa virtù, sottolineando il fatto che essa in molti casi non sfiorisce,  ma progredrisce nella maturità. La società vive all'insegna del mito della donna giovanissima e considera matura una ragazza che ha passato i venticinque anni , età nella quale da adolescente , inizia a sbocciare una giovane donna, la quale superata la fase tormentata in cui è " puella"  dal latino, può finalnente godere pienamente della propria natura femminile. I modelli che vengono pubblicizzati dai media, dalle riviste, social network  e da coloro che sono ai vertici della società propongono donne giovani accanto a uomini di almeno quindici/ vent'anni più vecchi, questo di prassi è considerato essere la norma. Il paradosso vuole che a livello biologico il picco della virilità avvenga nei maschi quando sono molto giovani, entro i trentacinque anni . Il trionfo delle qualità esaltate dai Greci riguardo all'uomo secondo la formula " kalòs kai agathòs " quindi bello e bravo, valoroso per doti fisiche e morali;  quali il coraggio, la temerarietà , l'essere in grado di sfidare le avversità e di realizzare la propria natura maschile in un trionfo della potenza fisica come nell'olimpiade. Raggiunto questo picco biologico, inizia in genere la decadenza maschile, presumilmente così è stato anche per Alessandro Magno. Per quanto riguarda invece la figura femminile, finalmente uscita dalla tormentata fanciullezza , caratterizzata da tempeste ormonali che rendono spesso il suo ciclo mestruale irregolare causandole disagi fisici e piscologici riflettendo su di essa una bellezza acerba e ricca di phatòs, alla soglia dei quarant'anni la sua essenza femminile può finalmente emergere con maggiore consapevolezza. Biologicamente sino alla menopausa è giovane, in genere verso i cinquan'tanni.  Si creano quindi delle discrepanze  tra coetanei del sesso opposto, e tra il mito socio-culturale della donna giovanissima e la realtà della donna stessa che spesso a quarant'anni si sente molto più suo agio che nei primi vent'anni.  Coloro che oltre questa soglia decidono di essere non solo belle ma curate, e soprattutto di non rinunciare alla propria sessualità : infrangono un tabù.   Con questa descrizione Giovanni Verga nella novella " La Lupa" descrive una donna di circa quaranta/quranticinque anni con queste parole :"Era alta, magra, aveva soltanto un seno fermo e vigoroso da bruna e pure non era più giovane; era pallida come se avesse sempre addosso la malaria, e su quel pallore due occhi grandi così, e delle labbra fresche e rosse, che vi mangiavano". Questa donna matura, era quindi irresitibile per il giovane Nanni che era condannato dalla società dell'epoca ( 1880) come lo è ancora in parte in quella attuale, nonostante ci troviamo nel ventunesimo secolo. Penso che nella realtà , le donne che decidono di non rinunciare a se stesse intelltualmente e fisicamente , come sarebbe giusto , siano effettivamente  attraenti per molti uomini e di tutte le età , quanto motivo di timore , polemica, e discriminazione sociale. Si pensi al celebre caso di Monica Bellucci , considerata una delle donne più belle del mondo , affiancata da uno scultore dall'aspetto non molto giovane , schernita con la parola "toyboy,"  mentre il suo ex marito dall'aspetto anziano si esibisce sui Red Carpet internazionali accanto a una ragazza  molto più giovane senza ricevere alcuna critica sociale. Trovo che questa parola inglese " toy boy" oramai usata a livello internazionale sia di natura misogina e devo far notare che il corrispettivo maschile non esiste. L'artista e musa Amanda Lear del leader dei Surrealisti Salvador Dalì( anch'essa molto giovane quando frequentava l'ultracinquantenne pittore) ha reagito alla parola toy boy con una provocazione sulla maglietta raffigurante un cuore e la frase inglese " i love toy boy". La sudetta Musa, passati i settant'anni sfila ancora sulle passerelle, sfoggiando una bellezza femminile intramontabile , dimostrando un'essenza femminile rivoluzionaria che si estrinseca nella sua villa in Provenza dove ritrae giovani " Putti". La Francia da sempre  è stata la patria Europea della trasgressione , del libertinismo, e ha accolto le avaguardie artistiche rivoluzionarie come appunto il surrealismo...In Francia è nata l'attrice Brigitte Bardot e la scrttrice la scrittrice  Françoise Sagan (psuedonimo di  Françoise Quiorez) fece ecscandalo nella Parigi del 1961 con  Aimez-vous Brahms? "  una storia d'amore e passione tra un 'arredatrice quarantenne e un avvocato di venticinque anni . Successivamente continuò a parlare della sensualità delle donne e della loro vita intima a tutte le età, rivendicando così il diritto di vivere la propria bellezza e femminilità compresa quella senile. Attualmente in Italia la musa di Fellini Sanda Milo, regala a tutti una bellezza intramontabile e sensuale, trovo che l'attrice sia un esempio costruttivo e di speranza per le giovani donne che possono specchiarsi in una attrice , capace di mostrare la donna per quello che è veramente : bella a tutte le età, in tutte le stagioni della vita e in tutti i suoi tempi. Nei paesi di cultura Cristiana/ Cattolica che hanno come esempio delle splendide Madonne " sobrie e sofferenti", col culto del " peccato e della penitenza , soprattutto femminile. La bellezza esteriore da sempre è stata culturalmente condannata. Le donne curate , spesso venivano chiamate " streghe" , nel film di Tornatore con Monica Bellucci :" Malèna"  veniva bistrattata perchè bellissima . I tempi saranno mai veramente moderni da consentire alla bellezza femminile di incantare il mondo senza essere sfregiata a nessuna età?. Il desiderio, da sempre è stato il punto di partenza della creazione di grandi opere d'arte, Sigmund Freud ha definito la pulsione sessuale , nonchè l'eros  " istinto di vita", ed effettivamente lo è, il desiderio è sogno per tutti. Mi chiedo sino a quando la società vorrà segretamente ammirare e pubblicamente proibire alle donne di vivere la poesia della bellezza e dell'erotismo ,a tutte le età?per quanto tempo ancora la misoginia governerà il mondo?.  Nessuna rivoluzione femminile è arrivata a sovvertire il tabù della bellezza e della sensualità femminile nel terzo tempo.

Pubblicato in Comunicati stampa

   La Redazione

Il prof Domenico Venuti in forma ufficiale sara' a Mandanici, Messina giorno 6 settembre ore 16.15 con il Sindaco della cittadina. Il Prof. Domenico Venuti  è CONSIGLIERE NAZIONALE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE  RICONOSCIUTA DAL MINISTERO DIFESA.PRESIDENTE generale dei CO.B-GE Inspired ONU  UNESCO OMS. gia' CONSIGLIERE CULTURALE  DEL MINISTRO PLENIPOTENZIARIO DI POLONIA Karol Kleszczynski.  Gia' PRORETTORE UNIVERSITA' DELLA PACE  ( Svizzera italiana -Lugano).   PRESIDENTE DEL PREMIO INTERNAZIONALE " . Vittorini " con Medaglia del Presidente Repubblica Carlo Azegljo Ciampi . PRESIDENTE DEL PREMIO INTERNAZIONALE WILLIAM SHAKESPEARE HONORIS CAUSA. IL PROF. DOMENICO VENUTI INCONTRERA' CON IL CRITICO D' ARTE GIORNALISTA PROF MARIA TERESA PRESTIGIACOMO  DIRETTRICE DI RED CARPET MAGAZINE, VICE PRESIDENTE PATRONESSE ANF e organizzatrice di eventi internazionali d' arte,  I CONSIGLIERI DEL  COMUNE DI MANDANICI INSIEME AL SINDACO . Il CERIMONIALE: Ricevuti assieme alla Componente il Consiglio CO.B-GE  dal Sindaco BRIGUGLIO  che attende all'esterno del Comune si accedera' nella sala del Consiglio laddove sia Sindaco che il prof Venuti avranno il loro incontro ufficiale per i saluti dei Consiglieri. A seguire in corteo,insieme, si andra' al Monumento ai Caduti  dove sara' deposto omaggio floreale. La visita, con guida ai Beni Culturali di Mandanici accompagnati anche dai carabinieri, siglera' l' incontro. Al Convegno, organizzato dal prof Pino Mento medico docente  Universita' degli Studi di Messina, dopo l'intervento del Sindaco e del prof.Venuti e il saluto da parte della prof. Maria Teresa Prestigiacomo,  a conclusione lavori, sarà  conferito al Sindaco  l'ambito PREMIO INTERNAZIONALE WILLIAM SHAKESPEARE.  

                            

IMG 20190902 WA0029

IL CRITICO D' ARTE GIORNALISTA PROF MARIA TERESA PRESTIGIACOMO  DIRETTRICE DI RED CARPET MAGAZINE, VICE PRESIDENTE PATRONESSE ANF. 

Pubblicato in Comunicati stampa

-Di Giuseppe Messina-

  

Ecco, ci siamo quasi. È già vicino il 14 settembre quando dal primo pomeriggio avrà inizio l’estemporanea di pittura di un gruppo di artisti che hanno aderito spontaneamente e generosamente alla pregevole iniziativa del Lions Club e del Leo Club di Barcellona Pozzo di Gotto.

   L’extempore si svolgerà nei giardini dell’Oasi di Piazza San Sebastiano nella città del Longano dove assieme ai già noti artisti potranno esibirsi bambini e giovani amanti dell’arte pittorica.

Beppe Iacono Gianni Maio e Quattrocchi

Beppe Iacono Gianni Maio e Quattrocchi

   Come abbiamo avuto modo di pubblicare precedentemente quello che segue è il regolamento per poter partecipare all’evento artistico che ci ha trasmesso il Presidente dei Lions, l’Ing. Giuseppe Quattrocchi.

  1. L’estemporanea è aperta a tutti senza limite di età ed è ammessa ogni forma d’arte;
  2. Per motivi organizzativi l’iscrizione/adesione dovrà avvenire entro il 13 p. v.;
  3. Ai partecipanti che ne faranno richiesta saranno forniti la tela ed i colori;
  4. Nel caso in cui l’opera non potrà essere ultimata durante l’estemporanea, la stessa potrà essere completata dall’artista e consegnata entro 10 giorni all’Associazione organizzatrice;
  5. Le opere saranno successivamente esposte in una collettiva assieme ad altre opere che gli artisti potranno esporre;
  6. Ad ogni partecipante sarà conferito un attestato di partecipazione durante un pubblico manifestazione;
  7. L’evento sarà pubblicizzato tramite i canali Lions, giornali Web e locali;
  8. Le opere realizzate durante l’estemporanea saranno donati dagli artisti ai Lions Club di Barcellona Pozzo di Gotto che ne diverrà il proprietario per la piena disponibilità;
  9.        Agli artisti non sarà riconosciuto alcun compenso, né il riconoscimento di alcun diritto ed autorizzano l’esposizione al pubblico e la riproduzione fotografica a mezzo stampa e sul Web. Nella fattispecie le opere donate saranno vendute ed il ricavato devoluto in opere di beneficenza e, di tutto, sarà trasmessa la ricevuta ad ogni artista;
  10. L’artista sarà informato del ricavato della vendita delle opere e della relativa destinazione in beneficenza e sarà altresì trasmessa ad ognuno la relativa ricevuta di versamento di quanto incassato;
  11. L’adesione di partecipazione vale quale autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi delle vigenti leggi in materia.

   Durante l’evento sarà organizzata una postazione con pannelli, colori etc. in modo che anche i ragazzi possano essere coinvolti e stimolati a dipingere le loro emozioni del momento. Anche a loro sarà conferito un attestato di partecipazione.

   Tutto dovrebbe andare bene anche se le condizioni atmosferiche non dovessero essere ottimali poiché i pittori potranno comunque operare tranquillamente sotto il porticato.

      Fino adesso, oltre a chi scrive, hanno aderito all’iniziativa gli artisti, Ignazio D’Anna, Giacomo D’Andrea, Pino Coletta, Caterina Barresi, Nino Gentile, Nella Parisi, Maria Teresa Giunta, Luisa Tomarchio, Giuseppina Leggio, Strina Foti, Lina Valenti, Cettina Cortese, Daniela Celi, Patrizia Parisi, Orazio Crinò, Patrizia Donato, Andrea Sposari, Vittorio Siracusa, Paola Pietrafitta, Maria Torre, Carmen Curcuruto, Pippo Giorgianni, Edoardo Valenti, Salvatore De Pasquale, Francesco Grillo e Vito Natoli.

   Tutti i suindicati pittori hanno già accettato di fare dono della propria realizzazione artistica al Lions Club.

   Si precisa che questo è solo un primo elenco; appresa la finalità dell’iniziativa altri artisti, hanno già dato con entusiasmo, la disponibilità e si è in attesa della conferma e solo per questo non sono stati riportati.

   All’evento hanno dato la disponibilità a partecipare anche alcuni Ragazzi che frequentano la scuola del “ Centro per l’Autismo”.

Pubblicato in Comunicati stampa


- di Maria Teresa Prestigiacomo -
Se l’arte è espressione dell’anima, in particolare lo è per Maria Grazia Sangregorio, la cui arte è un pretesto per raccontare ed esprimere quelle sue particolari sensazioni ed emozioni e per narrare le storie personali di quel circo che è la nostra esistenza. Sangregorio è una famosa pittrice, oltre che una creatrice orafa raffinata; è molto nota nel panorama dell’arte europea, pertanto, internazionale.

facebook 1567634703945
Basti pensare alla presentazione da me operata, per l’artista, al Museo Nazionale, al Grand Palais, salon d’art fondato da Renoir, sugli Champs Elysees, a Parigi, mostra che ha fruito dell’alto patronato della Presidenza della Repubblica francese, Macron…
Se, come ci suggerisce Gesualdo Bufalino in “ Museo d’ombre”dobbiamo tendere il nostro orecchio al fragore della cascata, ma anche allo zampillo della fontana…metaforicamente dobbiamo ritornare a trattare specificamente delle tele a tema “politico”dell’artista calabrese che in queste due opere ha inteso cimentarsi nella rappresentazione di un tema inconsueto, trattandolo allegoricamente con ironia, dal greco éironikòs (finzione ( dissimulazione, o dire il contrario di ciò che si pensi), pertanto, in queste tele, Sangregorio manifesta un atteggiamento bonario e un divertito distacco dalle cose, un auspicio che la politica sia d’azione, ma con la giusta moderazione e diplomazia.

IMG 20190820 WA0029
Il colore domina la scena, quasi a “ stordire” l’artista, per l’atmosfera variegata e composita nell’opera, dedicata alla Giunta: un crogiuolo di forza spirituale e fluida, crogiuolo di culture e di back grounds, dei politici rappresentati. Questi ultimi appaiono, non a caso, come “quasi dei fanciullini, certa, l’artista di potere esprimere, in tal modo, quel “ fanciullino pascoliano” che deve sempre manifestarsi, in ogni età della nostra vita, per esprimere bellezza, sentimento e nel caso dei personaggi politici, quella vivacità intellettuale e progettuale, occasione di crescita e di progresso di una comunità, di un territorio.
La tela dedicata al Sindaco reca un forte auspicio di speranza, anzi di certezza che la città sarà una città nuova, rigenerata sotto il segno dinamico di un personaggio che non ha una postura statica, ma esercita un’immagine di azione dinamica, quel dinamismo cosmico che riscatta sempre le precedenti condizioni subalterne di un territorio. Sangregorio parla, attraverso la sua poesia-pittura una pitto-poesia alla Rodari, dei nostri tempi (anni Sessanta), una poetica in arte, quella della pittrice calabrese, semplice ed incisiva, chiara e significativa, una pittura che parla al mondo, guardando, anche tra le sue personali brume e quelle di un mondo decisamente sofferto, con occhi di luce, di colore, di ottimismo, di speranza e di Sole.
A questo punto, ecco che il colore, per Sangregorio, si rende protagonista, incontrastato, sulle tele, per esprimere, di ogni politico, nella tela dedicata alla Giunta, un profilo psicologico; tant’è vero che la fisiognomica minimalista adottata ed espressa dalla pittrice, pur sempre variegata, manifesta, per ciascun personaggio politico, lo specifico temperamento, uno diverso dall’altro ma tale da comporre quel puzzle che si deve tradurre, politicamente, nel comporre l’armonia di un luogo…giacchè il luogo…lo fa, appunto, la persona…!
Questo lo sa bene, l’artista che ha assegnato ad ogni componente della Giunta un particolare sorriso che esprime il carattere… caratteri variegati, diversi look e colori diversi….una fantasmagoria di colori popolano la scena composita che sconvolge e capovolge l’immagine interiorizzata di una politica triste e monotona, da burocrati. Inoltre, possiamo notare dalle acconciature che Sangregorio ha tratteggiato, forse, trattasi di giovani personaggi politici, rampanti! In tutti i casi, in particolare, occorre evidenziare che i componenti della Giunta, rappresentati sulla scena da Maria Grazia Sangregorio, hanno, persino, occhi di diversi colori, quegli occhi per vedere il mondo, tra gioie, bellezza, dolori e sentimento… ma, occhi per osservare il mondo da due punti di vista, così come deve guardare ogni personaggio politico: dal proprio punto di vista e da quello del più debole, per migliorare l’esistenza di tutta la comunità, della sua e nostra Calabria, della sua e nostra Italia, un cuore antico nel Mediterraneo da tutelare e custodire, con amore, sempre.

# Maria Teresa Prestigiacomo

Maria Teresa Prestigiacomo 1

è critico d’arte ed opera in campo internazionale ed è giornalista iscritta all’Ordine dei Giornalisti Nazionale, Roma, Direttrice della rivista Red Carpet Magazine cartaceo del Lusso on line e cartaceo con redazione a Parigi, Lugano New York e Modica, inglese ed italiano. Pluripremiata per l’impegno nell’arte nel giornalismo, ricordiamo soltanto il Premio Internazionale Cartagine (fondato dal reggino Mariano Cudia) ad Hammamet Sousse Cartagena Spagna, Premio per il giornalismo a Roma, Premio Calderoni- Stampa Teatro Valle…Presenta mostre d’arte al Museo Nazionale di Parigi, Grand Palais ed altre location prestigiose all’estero …

Pubblicato in Comunicati stampa

-Di Giuseppe Messina-

   Possiamo dire che Franco Arcoraci e Giusy Venuti, rispettivamente Regista Produttore e Direttrice Artistica hanno già occupato una vasta fetta del mondo dello spettacolo e della formazione artistica e culturale. È grazie a loro se il 3 settembre u. s. abbiamo potuto assistere ad una straordinaria, emozionante serata ricca di avvenimenti in occasione della finale regionale della provincia di Messina del concorso “Una Ragazza per il Cinema” trasmessa in diretta TV da Spazio Teatro Fucina su Telespazio canale 611.

  IMG 2925

L’evento è stato condotto in maniera impeccabile da Giovanni Grasso, Teresa Impollonia e dalla stessa Giusy Venuti che, durante la serata, ha avuto modo di fare apprezzare la sua meravigliosa voce in veste di cantante, ma è nota dal pubblico anche come attrice, autrice di programmi TV, sceneggiatrice e produttrice cinematografica.

   Sul palcoscenico si sono visti sfilare 15 ragazze dai 14 ai 22 anni che, pur emozionatissime, non solo hanno mostrato la loro intraprendenza, ma, anche in abiti eleganti che evidenziavano la bellezza dei loro corpi, si sono espresse e raccontate al meglio, manifestando la loro forza d’animo e la grande volontà di riuscire nella vita. Tutte bellissime, però soltanto in tre sono state le selezionate ovvero Lucrezia Natoli di San Piero Patti e le messinesi Maria Runza e Martina Toscano che unitamente alle tre finaliste Francesca Guerrera, Ilaria Mangano e Alice Ferrara concorreranno alle Nazionali di Taormina.

   La giuria, che ha mostrato competenza e imparzialità, era formata  dall’imprenditore messinese della birra “Buddaci” Salvo Marabello; Giuseppe D’Angelo, Presidente dell’agenzia eventi Blueseainsicily; dal medico chirurgico presidente hair clinica di Messina specialisti trapianti tecnica Fue Dott. Antonio Marcianò; Dott.ssa Lorenza Giorgianni; Daniela Lucchesi, attrice, imprenditrice e responsabile sella Celertrasporti; Angelo Saeli organizzatore di eventi; Giuseppe Messina scrittore, scultore, giornalista, attore e regista; Nerina Fazio truccatrice e acconciatrice teatrale e cinematografica; Graziella Lo Vano scrittrice, poetessa, attrice; Valentina Di Salvo scrittrice e giornalista; Angela Turrisi Responsabile Marketing Cepu; Salvo Grasso regista, conduttore televisivo sceneggiatore cinematografico.

   Oltre Giusy Venuti, che si è esibita in veste di cantante, si sono potuti apprezzare il cabarettista Gianluca Barbagallo che ha divertito non poco il folto pubblico presente in sala e le talentuose cantanti Giulia Tavilla e Alisya Formica.

   Meritatissimi applausi calorosi sono stati indirizzati al regista Franco Arcoraci durante l’assegnazione del Premio per le capacità imprenditoriali e innovative e per il genio nella pellicola.

Durante la serata il pubblico ha potuto apprezzare i video, proiettati tra una sezione

e l’altra dello spettacolo, sul backstage delle selezioni precedenti svolte alla Fiera di Messina, a Spadafora e a Villa Garbo mostrando le attività dietro le quinte, tutte le ansie, l’emozione pulsante dal trucco, dell’attesa; i presentatori intenti a rivedere la scaletta, fino ai momenti più importanti vissuti sotto i riflettori.

   Tutto straordinariamente bello ed interessante, un valido esempio di come si possa fare della buona cultura televisiva e spettacolare per la crescita sociale.

Pubblicato in Comunicati stampa

- di Francesca Rossetti - 

 Il party “Flower Power” ideato dal Pacha ha spento quest’anno 39 candeline: un format sempre più spettacolare, non esiste festa al mondo così datata e seguita!

Il Nabilah, una delle location più cool della movies campana, è l'unico club italiano ove questa festa è ufficialmente autorizzata ed organizzata dal Pacha con “peace and love”. La direzione artistica è di “Made in Italy Ibiza”, l’agenzia di eventi musicali italiana più famosa dell’isola spagnola, rinomata a livello internazionale per le sue produzioni e le feste che organizza.

Flower Power Nabilah 3

Il famoso locale napoletano, recensito dal “The Guardian” come uno dei più belli d’Europa, domenica prossima sarà ancora più colorato e creativo grazie alle scenografie che saranno installate.  Tutti i partecipanti saranno trascinati per più di dodici ore (a partire dalle 11 del mattino) tra le note e le sensazioni che hanno ascoltato e provato gli hippie negli anni ‘60, ritmi che faranno battere i cuori come lo facevano battere a loro. Gli appassionati di motori potranno salire a bordo di un maggiolino oppure ammirare bellissime “due ruote” in quanto in occasione del Flower Power si terrà anche un raduno organizzato dal “Maggiolino Club Napoli” e una bellissima sfilata di moto d’epoca organizzata da “Napoli Chapter Italy”.

“I ritmi del flower  power sono molto diversi da quelli ‘selvaggi’ che contraddistinguono la maggior parte delle feste che si svolgono nei club dell’isola bianca e in quelli napoletani – spiega Luca Iannuzzi, promotore dell’evento e tra i proprietari del Nabilah -, si tratta di una festa dal clima rilassante che sul calar del sole sale d’intensità per chi vuole continuare a divertirsi ballando in riva al mare oppure a bordo piscina”.

Troviamo che l’espressione ‘flower power’, coniata ormai cinquantaquattro anni fa, possa oggi essere un messaggio quanto mai attuale – afferma Luca Iannuzzi, promotore dell’evento e tra i proprietari del Nabilah -, che la moda e il mondo del clubbing, fantastica cassa di risonanza, devono  contribuire a rilanciare. Spetta a noi cogliere e fare in modo che i fiori restino nei nostri cuori e nelle nostre meni”.

La storia
Flower Power è un’espressione tipica del movimento Hippy, che significa letteralmente “potere dei fiori” (una leggenda metropolitana racconta che tale slogan fu coniato nel 1965 dal poeta Allen Ginsberg). Il movimento hippy è nato alla fine degli anni ’60 come azione simbolica di contrasto alla guerra in Vietnam, contro il governo USA . Esso, totalmente pacifico, utilizzava mettere fiori nei cannoni, bruciare le lettere del richiamo alle armi o la distribuzione dei fiori come azioni - metafora dell’utilizzo dell’amore come chiave di dialogo per evitare guerre e conflitti e poter dare a tutti un mondo sicuro dove vivere. Ispirato allo stile di vita e ai valori di questo periodo e di questa corrente socio - culturale, della quale Ibiza ne rappresentava uno dei “capoluoghi” accanto a San Francisco e Goa, il primo Flower Power del Pacha si è tenuto nell'estate del 1980 grazie a un'idea originale del DJ resident Piti. Ibiza negli anni ’70 era popolata di hippie e persone culturalmente “avanti”, nello stesso anno iniziano a nascere le prime discoteche importanti e ad arrivare copiosi flussi di turisti. Al timone della cabina di comando del Pacha, DJ Piti riuscì a “contrabbandare” dischi e a portare negli altoparlanti del club un ampio repertorio di musica d'avanguardia che in quel periodo era raro ascoltare. In questi 39 anni, il Flower Power ha portato in pista al Pacha Ibiza diverse generazioni unite dall'amore per la musica e dallo spirito di pace e gioia degli anni '60.  Una festa unica che si rinnova ogni estate senza perdere la sua essenza, senza mutazioni del suo DNA. Trasmettere energia positiva, l’energia alla base del sano divertimento, è questa la mission del Flower Power del Pacha: una festa di celebrazione, di comunione, di gioia! Con il sigillo indiscusso del “Club delle ciliegie” e la grande direzione artistica de “I Productions Events”.

La festa
Il Flower Power si svolge ogni settimana al Pacha. Inizialmente era stato pensato come un unico appuntamento estivo, poi il suo successo ha "costretto" gli organizzatori a renderlo un appuntamento settimanale. Il tutto inizia al mattino quando lungo le spiagge più famose dell’isola sfila un gruppo di hippie con chitarre e tamburi, giovani che cantano dal vivo e rendono da subito l’atmosfera allegra e festevole. Si tratta del “carretto” del Flower Power che per tutta la giornata gira l’isola. Chi vi ha partecipato, afferma con convinzione che "non esiste un party bello come il Flower Power". Di fatto, a prescindere dai gusti musicali degli amanti della dance, è vero: nessun party ad Ibiza riproduce l'atmosfera, il clima e quel "feeling" di amore tipici del Flower Power.

 Dress code “hippie chic”

Anni ’60: peace and love, entusiasmo, musica, libertà e “chi se ne importa di tutto il resto”! Agli hippie dei “sixties” andava stretto tutto: perciò indossavano ampie gonne lunghissime, pantaloni a zampa, maxi dress, sandali, occhialoni da sole, camicie in denim...  Vestiti bianchi, colorati in modo sgargiante o a fiori (è assolutamente vietato il nero), ghirlande nei capelli e una montagna di accessori: è questo il dress code richiesto per il “Flower Power” che si svolgerà domenica 8 settembre al Nabilah. Esempi cui ispirarsi? Le femminucce possono cercare su Instagram le immagini degli outfit gitani di Paris Hilton. I maschietti possono spulciare tra le foto degli anni ’70 di David Bowie.

--

XY CREATIVE AGENCY 

Grazia Guarino

Pubblicato in Comunicati stampa

 

- di Maria Teresa Prestigiacomo - 

Taormina, ME. Count Down per l'appuntamenti tra i più importanti dell’anno: la Finale Nazionale di,UNA RAGAZZA PER IL CINEMA”.

L’esclusivo Concorso Nazionale di Bellezza e Talento, in particolare, uno dei Concorsi più seri che vi siano: è giunto, premiato per serietà e professionalità,  alla 31esima edizione, organizzato da Antonio Lo Presti e Daniela Eramo, ed è in programma, l’8 settembre prossimo, in Sicilia, nello splendido scenario del Teatro Antico di Taormina, la serata conclusiva.

20180906 192010

L’evento, sarà presentato, in Conferenza Stampa, per i colleghi giornalisti, GIOVEDI’ 5 SETTEMBRE, alle ore 10 presso Capo dei Greci, Via Nazionale 421, Sant’Alessio Siculo.

In Conferenza Stampa saranno svelati i Super Ospiti di questa Edizione.

21432820 1501303353261498 190809329676548757 n

Pubblicato in Comunicati stampa

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30