Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Racconti….di ordinaria follia - A Barcellona incontro con l’autore Antonino Bucca

 

IMG-20160321-WA0018

12823432 598657030287559 447559261423206247 o

- di Rachele Gerace -

La suggestiva chiesa sconsacrata di San Vito, a Barcellona Pozzo di Gotto, ha ospitato lunedì 20 marzo la manifestazione “Cristo in croce….e i poveri cristi”, organizzata dall’Associazione culturale Ars Vivendi, di cui è presidente il professore Vito Natoli, intervenuto in apertura di serata insieme all’assessore alla cultura Ilenia Torre che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale.

Una serata che, attraverso un dialogo a più voci sulla molteplicità dei linguaggi espressivi nella “normalità” così come nelle psicopatologie, ha regalato momenti d’intensità e vivacità culturale.

A conversare con la giornalista Rachele Gerace, Antonino Bucca, docente di filosofia del linguaggio dell’Università di Messina, che ha presentato la su ultima fatica bibliografica “Breve viaggio nell’immaginario simbolico della follia”: un testo che attraverso il racconto di un “caso”, descrive la psicopatologia non solo secondo il rigore scientifico ma ne configura lo stato dell’arte. La giornalista ha chiesto a Bucca se “partendo dalla distinzione che molti erroneamente operano tra l’abito patologico, conosciuto come “anormale”, da quello della “normalità”, vista come conformità alle regole, è possibile decifrare e interpretare semanticamente il linguaggio psicotico, così come gli altri linguaggi creativi, per ricostruire delle dinamiche di comunicazione”.

I linguaggi - ha detto Bucca - sono ricchi di espressioni e di figure metaforiche. Le storie di follia, infatti, si nutrono di narrazioni, ossia di parole dette e non dette. L’immaginario simbolico della follia è fatto però anche di colori e, come nella storia della psicopatologia esposta in questo libro, anche di parole e di colori scanditi all’unisono. Attraverso il commento di un corpus iconografico costituito da diverse centinaia di disegni e di messaggio deliranti prodotti da un soggetto ‘parafrenico’ in oltre trent’anni di vissuti psicopatologici e dunque attraverso un breve viaggio nell’immaginario della follia, vengono esaminati i registri espressivi delle manifestazioni psicotiche assieme alle funzioni liberatorie e catartiche che questi consentono. Tali linguaggi finiscono così per caratterizzare anche gli aspetti più rilevanti della psicopatologia dell’espressione”.

Ad arricchire la serata, regalando uno spaccato del realismo siciliano ereditato da grandi “narratori” come Ignazio Buttitta e Rosa Balistreri, i cantastorie Fortunato Sindoni e Mauro Geraci, docente quest’ultimo di antropologia presso l’Ateneo messinese.

 

Ultima modifica il Martedì, 22 Marzo 2016 12:18
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Ottobre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31