Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Super User

Super User

Heirloom consequat, irure reprehenderit duis Shoreditch. Art party wayfarers nihil pour-over cupidatat id. Brunch incididunt minim, in bitters adipisicing.

URL del sito web: http://www.themewinter.com

La Giuria 

 

1618095 10201609987746939 6578526481247611494 o

composta dai dott.ri Giuseppe Ruggeri (Presidente), Roberto Pilot, Giovanni Giacobbe, Salvatore Restivo, dal Prof. Avv. Maurizio Ballistreri, dall’arch. Maurizio Rella, dagli avv. Salvatore Costa ed Antonio Lo Presti, dai prof.ri Gisella Camelia dell’It.e.s. Jaci, Vito Noto del Rotary Club Messina, Sergio Piraro dell’Università di Messina, dagli imprenditori Santino Foti di Sant’Alessio e Giuseppe Manuli di Taormina, da Placido Cardile, Giovanni Ferlazzo, Achille Ribolla di Coldiretti Messina, dal dott. Alessandro Allegra di ConfArtigianato, dal dott. Di Carlo Angelo della Camera di Commercio, Stracuzzi Natale, dott.ssa Vincenza Mola Pres. Proloco Sinagra, dal dott. Onofrio Chillemi, dal Luogotenente dei Carabinieri Armando Pesco e dall’Ing. Alfredo Schipani di Confindustria. 

IMG 7161

 

IMG 7162 

Hanno ottenuto un riconoscimento gli Istituti di Istruzione scolastica “La Farina- Basile, l’’Antonello, lo Jaci e l’istituto comprensivo Villa Lina di Messina per l’originalità degli elaborati sulla riscoperta degli antichi mestieri.

 

IMG 7153 

IMG 7011

DSC 9063 

Azienda Agricola F.lli Borrello

 

Per avere allietato da generazioni il palato di quanti hanno avuto il piacere e la grande opportunità di  assaporare autentiche  specialità nebroidee vero gioiello del patrimonio  regionale.

 

 

 

aZIENDA aGRICOLA bORRIELLO
 IMG 7121

CIRCOLO FEMMINILE

RICAMO E ANTICHI MESTIERI

Per aver saputo riportare alla luce l’antica arte del ricamo femminile realizzando veri e propri capolavori.

CIRCOLO FEMMINILE
 IMG 7132

GAETANO GATTARELLO

ebanista

Per  coltivare nell’antica arte della lavorazione del  legno la passione creativa nella realizzazione di spenditi manufatti anche scultorei.

 ebanista gaetano gattarello
 IMG 7059

AUGUSTO PARATORE

fabbro

Per aver mantenuto le tecniche tradizionali artigianali nella lavorazione del ferro battuto e per la straordinaria qualità e fattura delle proprie opere.


 Fabbro - Paratore
 IMG 7088

PLACIDO  DE LUCA

maestro gelatiere

Per aver esaltato  ed esportato anche fuori dal nostro territorio la sublime tradizione gelatiera  motivo di vanto e di orgoglio della messinesità.

 gelatiere De Luca
 IMG 7090

GIORGIO  PINO

maestro d'ascia

 

Per aver mantenuto viva  l’arte del maestro d’ascia evocatore dell’antica tradizione marinara.

 

Giorgio Pino maestro dascia 
IMG 7127 

CHIARA SCIORTINO

orefice

Per aver saputo trarre dagli umili metalli la materia e la forma delle sue creazioni inseguendo e realizzando un sogno divenuto realtà.

Orafa di Sciortino 
 IMG 7063

CARMELO  AMOROSO

orologiaio

 

Per averci insegnato  ad amare il trascorrere del tempo nella magica cadenza del ticchettio degli orologi che sapientemente ha restaurato in anni di gloriosa tradizione.

 

orologiao carmelo amoroso 
 IMG 7067

GIOVANNI ASSENZIO

  panificatore

 

Per avere iniziato e consolidato una attività ricca di tradizione e che rappresenta una peculiarità specifica dell’essere messinesi: quella dell’arte bianca, non solo del pane ma anche della tipica focaccia messinese.

 

Panificatore Giovanni Assenzio 
 IMG 7136

ALFIO  CARUSO

scultore della pietra

Per aver svolto con l’entusiasmo della sua  giovane età una già intensa attività creativa  della pietra, riproponendo anche un accurato restauro  archeologico di elementi come capitelli, colonne, statue.

scultore Alfio Caruso 
 IMG 7072

CARMELO FRANCESCO CROCIVERA

 stagnino

 

Per  svolgere ormai da parecchi anni una sapiente attività di restauro di vecchi utensili nonché di realizzazione  di oggetti  di uso comune rievocanti l’antica tradizione artigiana.

 

 stagnino Basilio Francesco corivera
 IMG 7131

LUIGI RAFFA

tipografo

 

Per aver saputo coniugare nell’esercizio della sua arte, la professionalità tecnica e la   passione creativa raggiungendo compiuta sintesi di competenze sul piano tanto estetico quanto contenutistico.

 

 

Tipografia di Luigi Raffa 
 IMG 7122

UMBERTO PROCOPIO

maestro artigiano

 

Per farci riposare su morbidi guanciali e materassi come  fatti dai nonni.

 

 Umberto Procopio maestro artigiano
Vincitore  Arti Aplicate e Mestieri 2014
aZIENDA aGRICOLA bORRIELLO

 

IMG 7077

 

La “ TRATTORIA F.LLI BORRELLO” nasce nel lontano 1964 quando Giuseppe Borrello decide di costruire e gestire un locale detto “ a Barracca” sulla strada che da Sinagra porta ad Ucria, continua per Floresta ed arriva alle pendici dell'Etna.

All'epoca le “Barracche” erano delle costruzioni rustiche prive di corrente elettrica, dove i contadini che si recavano nei paesi etnei per la vendemmia, o sugli altipiani di Floresta per la mietitura, spesso a piedi, sostavano per mangiare.

Questi posti di ristoro offrivano ai clienti pasti semplici: sott'olii, verdure di stagione, carni di agnello o di castrato alla brace accompagnati da buon vino locale. Già negli anni ' 70 il piccolo locale rustico subisce un primo “ ammodernamento”. Negli anni '80 i figli cominciano ad occuparsi della gestione del locale apportando nuove modifiche, ma lavori di ampliamento, di ristrutturazione radicale vengono effettuati nel 1997, la gestione passa cosi ai “F.lli Borrello” che nella trasformazione della piccola “ Barracca” a “Trattoria” , non modificano le tradizioni gastronomiche e la genuinità dei cibi. Per garantire la “ specificità” della loro cucina, alla fine degli anni '80 nasce l'Azienda Agricola, dove vengono allevati gli animali, coltivati gli ortaggi e le piante da frutta.

Accanto alla Trattoria viene aperto un punto vendita delle carni e dei prodotti dell'Azienda; in locali attigui vengono attrezzati un salumificio e un caseificio per la trasformazione delle carni e del latte. L'ultima “innovazione” è la costruzione di un barbecue all'interno della sala, così che i clienti possano scegliere da un banco espositore le carni e vederle cucinare. Particolare cura viene riservata alla scelta dei vini, soprattutto quelli siciliani.

L'Azienda Agricola : “ Fattoria del Bosco” è anche Fattoria Didattica, e 3 presidi Slow Food sono presenti: il Suino Nero dei Nebrodi, l'Oliva minuta, la Provola dei Nebrodi. Il locale è insignito della “ Chiocciolina D'Oro” massimo riconoscimento di Slow Food che da diversi anni ne premia la professionalità. La Trattoria e l'Azienda per le loro caratteristiche sono state presentate in alcune trasmissioni televisive: Il paese del venerdì, rubrica del TGR di RAI 3 il 13 dicembre 1998; Sereno variabile presentato da Osvaldo Bevilacqua su RAI 2 nel 2001; da Linea verde di RAI 1 il 5 dicembre 2010; dal TG 1 delle ore 20:00 su RAI 1 nella rubrica terra e sapori del 18 dicembre 2010; nella rubrica Eat Parade di RAI 2 dell'11 novembre 2011; nella rubrica TG 2 Dossier di RAI 2 nel 2012, nella trasmissione TG2 Insieme di RAI 2 del 15 novembre 2013; da numerose televisioni locali regionali ed estere.

La Trattoria F.lli Borrello ha ricevuto vari riconoscimenti da testate giornalistiche gastronomiche come: Cronache di Gusto, Osterie d'Italia, Gambero Rosso, Il Buon Paese, La Gola in tasca, ecc..., segnalato sul portale Parks.it, e pubblicazioni su quotidiani e riviste nazionali come: Repubblica, Le vie del Gusto, Bell'Italia.

PREMIATI TRA GLI ALTRI UN PANIFICATORE/PANETTIERE DI MESSINA, UN ORAFO DI CAPO D’ORLANDO, UNO STAGNINO DI SANT’ANGELO DI BROLO, UN GELATIERE DI BRIGA MARINA, SCULTORI DEL LEGNO E DELLA PIETRA, TIPOGRAFI, CASARI ED AZIENDE AGRICOLE, EBANISTI,

MOSAICISTI, LIUTAI ED ARTIGIANI DELL’ARTE DEL RICAMO, UNCINETTO, PATCHWORK, TOMBOLO DI MESSINA E PROVINCIA.  

giuriaSi sono svolti presso la Sala Consulta della Camera di Commercio di Messina i lavori della Commissione di Valutazione deputata alla selezione delle 12 personalità artigiane di Messina e provincia distintesi nel settore delle arti applicate e dei mestieri tradizionali nonché degli elaborati/progetti presentati da vari Istituti scolastici di Messina e Provincia. La giuria è composta dai dott.ri Giuseppe Ruggeri (Presidente), Roberto Pilot, Giovanni Giacobbe, Salvatore Restivo, dal Prof. Avv. Maurizio Ballistreri, dall’arch. Maurizio Rella, dagli avv. Salvatore Costa ed Antonio Lo Presti, dai prof.ri Gisella Camelia dell’It.e.s. Jaci, Vito Noto del Rotary Club Messina, Sergio Piraro dell’Università di Messina, dagli imprenditori Santino Foti di Sant’Alessio e Giuseppe Manuli di Taormina, da Placido Cardile, Giovanni Ferlazzo, Achille Ribolla di Coldiretti Messina, dal dott. Alessandro Allegra di ConfArtigianato, dal dott. Di Carlo Angelo della Camera di Commercio, Stracuzzi Natale, dott.ssa Vincenza Mola Pres. Proloco Sinagra, dal dott. Onofrio Chillemi, dal Luogotenente dei Carabinieri Armando Pesco e dall’Ing. Alfredo Schipani di Confindustria. Hanno ottenuto un riconoscimento gli Istituti di Istruzione scolastica “La Farina- Basile, l’’Antonello, lo Jaci e l’istituto comprensivo Villa Lina di Messina per l’originalità degli elaborati sulla riscoperta degli antichi mestieri. La manifestazione promossa dall’ASSOCIAZIONE MESSINA WEB.EU presieduta da Rosario Fodale è patrocinata dall’Ars, dal Rotary Club Messina e si svolge in collaborazione con Camera di Commercio di Messina, ConfArtigianato Messina, Confindustria Messina, Coldiretti Messina,  l’Associazione Nazionale Carabinieri sez. Messina, l’Associazione Amici della Gente. L’evento aderisce all’iniziativa Scarpe rosse per dire No alla violenza sulle donne. 

 

DSCF0106La Redazione                                                                        

Messina “Città d’Europa”  a Palazzo dei Leoni ha visto celebrare con una prestigiosa iniziativa del Club Centro Incontri Europei “ La Giornata Mondiale della Poesia, voluta dall’UNESCO, al fine di promuovere il dialogo e la comprensione Interculturale e la pace fra i popoli. L’importante iniziativa  riceveva  gli  alti auspici del Comitato Europeo dei Giornalisti, presieduta da Daniela Klenszczynski; dell’Università della Pace della Svizzera Switzerland, dell’Accademia EuroMediterranea delle Arti, presieduta dalla Prof,ssa Maria Teresa Prestigiacomo .dell’Accademia “Amici della Sapienza Preseiduta dalla Dott.ssa Teresa Rizzo. La Direttrice Generale Irina Bukova aveva scritto  per la celebrazione della “Giornata”  alla Presidente del “Club” Dott.ssa Lidia Bentivegna regista impeccabile dell’Incontro. queste parole: “Dobbiamo mantenere viva l’energia poetica….perchè viene arricchito il dialogo tra le culture  e garantita la Pace”. La Dott.ssa Bentivegna nel presentare la cerimonia ricordava che: “ la poesia è la vetrina da cui deve trasparire …l’immagine, la spiritualità, la cultura, la personalità di chi scrive… “  Interveniva il Prof Domenico Venuti che porgeva il saluto dell’Università della Pace della Svizzera Italiana nella qualità di Prorettore e di Presidente del Premio Internazionale “Elio Vittorini” Manifestazione che ha, come è noto, ricevuto sempre l’adesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Medaglia del Capo dello Stato. Seguiva l’interessante e significativo intervento della nota Dott.ssa Teresa Rizzopoetessa e pittrice di valore, Rettore dell’Accademia “Amici della Sapienza”. Ospiti d’eccezione che ricevevano il plauso del pubblico entusiasta  erano la poetessa Maria Costa “Tesoro umano vivente dell’UNESCO che declamava in dialetto siciliano  due poesie “Bannera” e “Rosa”e  l’abile  cantastorie Gianni Argurio. Il momento clou della serata si aveva con l’eccellente critica del prof Lucio Cogode alle poesie di: Andrea Grioli “ Da Ragazzo., Teresa Vadalà, “Magico Prodigio”; Rosita Orifici Rabe “ Tra Ricordi e Ricordi”; Iole Gugliotta Bonfiglio “ Senza il mio Tempo”; Roberto Lo Presti; Maresa .Lazzaro “Venti Farfalle”; Orsola  Quartuccio Guerrieri “La Maschera” e la stupenda “Poesia” dell’indimenticabile poeta Nino Ferraù. La brillante Celebrazione riceveva dalla poetessa di chiara fama Wanda Faroni,  Vedova del compianto Ministro Plenipotenziario di Polonia Karol Kleszczynski la  poesia  “E’ Tornata Primavera” che veniva letta in modo magistrale dal Prof Lucio Cogode, con il vivo apprezzamento dei presenti. L’occasione vedeva anche il valente e  giovane Maestro Federico Parisi tra  gli applausi ininterrotti di un pubblico entusiasta. “E lucean le stelle” dalla Tosca di Puccini; “La donna è mobile” dal Rigoletto di Verdi; “La cavatina di Figaro” dal Barbiere di Siviglia di Rossini.

Ha pubblicato quattro libri  :

- Oltre la diga della sclerosi dei sentimenti sopiti Poesie-Ed.CRONOGRAFICA  ROMAper  L’Espresso S.p.  ed. L’espresso S.p.A.-2011

- Per te,luna  Poesie  ed. - CRONOGRAFICA  ROMA PER L’Espresso S.p.A-2012

- Il tempo del silenzio  Poesie  Casa ed. Albatros -2013

- Racconti e/o Misteri  Romanzo- Casa Ed.BooksPrintEdizioni-2014


Collabora con il quotidiano indipendente”2Duerighe", è stata pubblicata su molte antologie,raccolte e riviste nazionali ed internazionali, è presente su molti siti e blog nel web .

Sarà sulla seconda serie di BOOKGENERATION con i primi 2 libri ;

sarà : su Radio Galileo con il  terzo libro ( per le frequenze consultare il sito   (www.radiogalileo.it)

Intervista "La Luna e i Falò "in onda  il 17 aprile 2014 alle 21.30 e in replica il 20 aprile 2014 alle 10.20

e in TV su Viva L'italia Channel ( Canale 879 della piattaforma Sky)nel mese di giugno ,ospite di 4 trasmissioni 

e tantissimo altro ancora...

de1

L’attività è stata tramandata da due generazioni. I fondatori risalgono ai genitori di DE LUCA PIETRO,DE LUCA PLACIDO e RIZZO GRAZIA che svolgevano la loro attività lavorando in casa, mentre il figlio PIETRO vendeva con un carrettino che trainava a mano la granita e il gelato per le strade,ciò risale a 1946,il ragazzino PIETRO aveva solo 15 anni.Nel 1950 nasceva a BRIGA MARINA il primo piccolo e modesto BAR nella seconda PIAZZA di BRIGA MARINA,con proprietaria la madre RIZZO GRAZIA.

d2

Successivamente nel1965 insieme alla moglie BASILE GRAZIA, cambia sede accanto a quella attuale fondando così il primo bar col nome PIETRO.Da quei momento in poi comincia a cimentarsi con granite e gelati,studiando e elaborando tante bontà e nel 1970 si trasferisce nella attuale sede e insieme alla moglie arricchiscono e fanno crescere sempre più il bar.Dal 1990 circa i figli PLACIDO e GRAZIELLA,subentrano con tanta esperienza tramandata dai genitori e con amore e devozione(no trascurando mai,facendone anzi tesoro i loro consigli, riescono a migliorare l’attività e sperano con esperienza e professionalità di migliorarla sempre di più.

de3

 

 

 

de4

1ass                        

        Intorno alla fine degli anni venti , Giovanni Assenzio, comincia la sua missione di panettiere, esercitando l’attivita’ nel proprio panificio, sito in via La Farina  Is. A. Sono tempi in cui il fornaio, lavoro duro , inizia la propria giornata lavorativa intorno a mezzanotte, per terminare verso le le ore 2 pomeridiane.

Uomo intraprendente, gestisce, un altro panificio in via Palermo, e pian piano che la famiglia cresce, viene coadiuvato dal figlio Carmelo.

Nel 1949 decide di traslocare la propria attivita’ in un luogo piu’ centrale, e precisamente in piazza Due Vie, sommita’ della Via nino Bixio, cuore pulsante del commercio cittadino.

2ass

Anni 60   la madre di Giovanni Assenzio in una istantanea all’interno del vecchio panificio 

Grazie all’installazione di un forno di marca “TIBILETTI” , massima garanzia di qualita’, arricchisce la sua attivita’ con  un assortimento di pasticceria panaria ed una gustosissima focaccia messinese.

Nel 1975 Giovanni Assenzio va in pensione, e l’attivita’ viene proseguita ufficialmente dal figlio Carmelo, che con passione professionalita’ e competenza, continua a non demeritare fra i panifici cittadini. E come una ruota che gira, pian piano si inserisce nell’attività il nipote Giovanni,il quale  visto che buon sangue non mente,  tuttoggi continua la vecchia attivita’ del nonno,  adeguandosi ai tempi ha  ristrutturato il locale con un design moderno   Cardileforni     sviluppando la vendita con  magnifici pidoni al forno, arancini, una vasta gamma di biscotti, senza tralasciare la tradizionale focaccia con la tuma.

E’ sua la fornitura del pane alla chiesa di sant’Antonio, in occasione della festività di Sant’Annibale con circa 3000 panini, e in quella di Sant’Antonio con circa 6000 panini che poi vengono benedetti e donati ai fedeli.

I buon Giovanni, molto sensibile ad iniziative solidali e’ uno degli sponsor prioritari della festa di sant’Antonio, e in occasione della  Pasqua , durante la processione del Cristo e della Madonna, e’ solito rendere omaggio a quest’ultima  salendo sulla scala e aprendo una cesta piena di colombe bianche in segno di devozione.

3ass

 preparazione della focaccia tradizionale con il formaggio al di sotto della scalora e pomodoro

 

4ass

la focaccia è pronta per essere gustata

5ass

 un  due e tre            son le cose che piacciono a me………

 

6ass

Giovanni mentre sforna i pidoni

7ass

per chi non soffre di diabete……..

 

Calendario

« Settembre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30