Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

QUANDO QUALCUNO DESIDERA LA SALUTE OCCORRE CHIEDERGLI SE E’DISPOSTO A SOPPRIMERE LE CAUSE DELLA MALATTIA. SOLAMENTE ALLORA È POSSIBILE AIUTARLO. (IPPOCRATE)

 - di Roberto Pilot -

Alcool

Tutti conosciamo gli effetti dannosi dell'alcool sul nostro organismo.

 Dobbiamo anche tener conto degli influssi che ha sulla salute della nostra bocca; l’alcool infatti  macchia e disgrega le otturazioni in composito e,  se  presenti coloranti , l suo uso costante può pigmentare i denti.

Altra peculiarità  è quella di abbassare le difese immunitarie  influenzando così lo sviluppo della malattia parodontale.

Secondo alcune ricerche scientifiche, quando è associato ad una insufficiente igiene orale, , può contribuire allo sviluppo di tumori del cavo orale.

Fumo

Uno degli effetti del fumo é quella di contribuire in maniera sostanziale all’aggravarsi dellamalattia parodontale, infatti  esso costituisce il maggiore fattore di rischio nei riguardi

dell'infiammazione gengivale:  studi scientifici hanno evidenziato che esso seleziona  i ceppi batterici presenti nel nostro cavo orale stimolando quelli che sono più aggressivi nei confronti dei tessuti gengivali.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che questo effetto negativo sul legamentoparodontale ha come conseguenza un aumento della mobilità dentaria;

Altri studi provano che il rischio di edentulismo in pazienti fumatori sia 4-5 volte maggiore dei pazienti non fumatori.

Naturalmente anche il rischio di tumori del cavo orale è influenzato in maniera negativa dal fumo.

Il danno più visibile è invece la pigmentazione del dente in quanto la nicotina ed il catrame si deposita sulla superficie, ma, cosa ancora peggiore, penetrando attraverso le micro fratture può rendere il dente più scuro pigmentando la dentina.

Bibite gassate

Le bevande a base di soda ( cola, aranciate, ecc.) contribuiscono in maniera significativa all’erosione dentale provocando infatti la demineralizzazione dei denti  predisponendoli  cosí alla carie ed alla sensibilità caldo/freddo e dolce.

Lo smalto dentale (la sostanza più dura del nostro corpo) è purtroppo molto suscettibile agli assalti delle sostanze acide, ed al loro contatto si disgrega esponendo la dentina.

 Le bevande gassate sono tra gli alimenti con la maggior quantità di acidi ( acido fosforico, malico, citrico, tartarico, ecc.), se a questo aggiungiamo che sono anche ricche di zuccheri le conseguenze sono facilmente intuibili.

Pure le bevande con dolcificanti artificiali sono dannose, resta inalterato il loro contenuto in acidi.

La principale barriera agli attacchi degli acidi è la nostra saliva che contiene ioni calcio, fosforo, glicoproteine, enzimi e bicarbonati e bagna costantemente lo smalto, queste sostanze riparano la struttura dentale eventualmente demineralizzata. La saliva inoltre con il suo potere tampone regola il ph, diminuendo l’ambiente acido; il pH normale della saliva è di 6,3 ed a un pH inferiore al 5,5 inizia la demineralizzazione dello smalto.

Il sistema tampone della saliva varia da persona a persona.

Come riconoscere i segni sui denti

Le erosioni da bevande gassate si possono osservare in genere sulla superficie esterna dei premolari e molari inferiori anche in prossimità del margine gengivale, si presentano sui vostri denti come superfici lisce e concavità di aspetto lucido; queste erosioni cervicali si possono estendere anche oltre il limite gengivale, esponendo la radice dei denti. Sui vostri molari piccole aree lucide con esposizione della dentina e otturazioni soprelevate rispetto allo smalto circostante sono la manifestazione più evidente del disgregarsi dello smalto; anche gli incisivi superiori per la loro usura appaiono allora traslucidi, trasparenti: è l’effetto dell’erosione del dente.

La presenza di macchie nere sui denti impone una visita odontoiatrica per capire se ciò è dovuto alla presenza di tartaro o di carie.

Le gengive sanguinanti sono un chiaro segno di infiammazione gengivale, a questo punto lo spazzolino non basta più, diventa necessario, per evitare il peggioramento della malattia un controllo delle gengive da parte del vostro dentista

Consigli

Da quanto abbiamo detto sin ora comprendiamo che una corretta alimentazione protegge i nostri denti; per fortuna noi conosciamo il sistema per mantenerli sani: la dieta mediterranea. Diminuire o eliminare gli agenti aggressivi come fumo alcool zuccheri e bevande gassate contribuirà notevolmente alla loro salute.

L’alimentazione di nostri nonni, ricca di verdure ,legumi, frutta è la ricetta ideale per mantenere in salute la nostra bocca.

Naturalmente l’igiene orale periodica utilizzando spazzolino e filo eviterà il ristagno di cibo e placca: i denti ringrazieranno.

Si consiglia sempre di effettuare una visita regolare dal vostro dentista, ciò permetterà di intercettare tutte le patologie della bocca in una fase iniziale diminuendo così le complicanze e permettendovi di godere dei vostri denti per lungo tempo.

Dal prossimo articolo cominceremo ad analizzare le nuove tecniche di odontoiatria conservativa dalla sigillatura dei solchi dei denti alle lacche protettive, dalla microconservativa a tutte le tecniche di odontoiatria estetica che permettono di mimetizzare i danni dei vostri denti con il minimo sacrificio dentale.

Ultima modifica il Sabato, 08 Ottobre 2016 12:23
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Maggio 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31