Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

IL POETA SARO OTERI DI SANTO STEFANO DI BRIGA (Me) “FA PROPRIO “IL BELLO” E LO PORGE AGLI ALTRI”.

 

Due elementi importanti si riscontrano subito nella poesia di Oteri: il sentimento e  la fantasia, che insieme danno:  “ il bello “,  che  riesce e porgere  con linguaggio  dialettale. .La sua poesia propone e presenta forme del parlato, che coglie negli essenziali elementi del contesto reale, in una visione soggettiva.e a volte oggettiva, con  efficaci  effetti, risultanti dalle relazioni delle parole  e del loro procedere, che per musicalità ci riportano al simbolismo, Oteri  con  un profondo  impulso emotivo riesce  a porgere vibranti elementi lirici cosmici in cui ogni individuo può riconoscersi.In Oteri ritroviamo le scansioni dei vari momenti lirici vissuti, filtrati dalla memoria, come  in “Vecchi Tempi” Davanti a scola mi trovai a passari/ Vitti tanti mammi chi so figghiceddi /Sculareddi attenti  a giucari”. Il nostro Oteri, in particolare in questa lirica , rivede e rivive  con delicata nostalgia i i bei momenti della sua fanciullezza” . In questo excursus “spazio tempo”, ritrova ancora in  “Sirinata a Zita” la sua giovinezza, che tratteggia, in attimi che ci fanno pensare al periodo trobadorico. “ Vinni ‘sta sirinata mi ti.cantu/Finnamenti mi facisti cuntentu /Ora capia chi mi ami tantu”. . Nel nostro poeta il passato, il presente ed il futuro si intrecciano e si rincorrono, mantenendo sempre alta  la sensibilità interpretativa. Scrive per il bisogno di comunicare i suoi  turbamenti:di commozione, di pena, di malinconia,, di nostalgia, di gioia,. Il poeta   attraverso lo strumento del linguaggio,  risente  dell’afflato del suo villaggio ridente, solare, verdeggiante, con le sue fresche acque cristalline ed il sorriso dei suoi bravi compaesani, amati in modo crociano dal grande e indimanticabile Prof. Placido Andriolo, che gli dava la sua amicizia, lo incoraggiava nella prosecutio, apprezzandolo, mentre lo chiamava “ poeta del “ bello”, L’Oteri nel suo  procedere poetico, aveva riservato una brillante  lirica accorata  al dott. Giuseppe Grimaldi , Numerosi sono i premi ricevuti dal nostro “Saro” in varie parti d’Italia. Saro Oteri è poeta di valore.

Domenico Venuti

Messinaweb .eu è lieta  di pubblicare la lirica in dialetto di Saro Oteri

BIOGRAFIA

Saro Oteri nato a Messina nel 1945, vissuto sempre nel Villaggio di Santo Stefano di Briga, Messina. Di professione Inferimere, è andato in pensione nel 2000. Ha da sempre coltivato l’amore per la poesia. Quell’amore tramandato da generazione in generazione dalla famiglia Oteri.

Nel 1998 è stato pubblicato il libro “Mischugghiu puisii dialettali a strofi e r-rimi, Edizione di Nicolo’.

Nel 2000 è stato pubblicato “Fatti e Disfatti du Dutturi Petru Giorgianni” – Edizione Antonello da Messina.

Ha partecipato a numerosi concorsi di poesie, ricevendo anche premi di prestigio. Tra i concorsi ai quali ha partecipato, ricordiamo:

“In memoria di Mario Riva” – Marigliano (NAPOLI);

“Vivarium” in omaggio a sua Santità Giovanni Paolo II organizzato da Nuova Accademia dei Bronzi - CATANZARO;

“Sotto L’Egida dell’Amore” dedicato a Melina Freno - MESSINA;

Premio europeo “Tindari” - Terzo Millennio - MESSINA;

III° Raduno Associazione Siciliana “Arte e Scienza” – Villafranca (MESSINA);

Premio “Rocco Certo” - Tonnarella (MESSINA).

Tra l’altro, le Sue poesie sono state pubblicate in moltissime riviste e antologie.

Per lui la poesia è una passione, un modo per dialogare, di dire la sua sulle cose del mondo e perché no….far conoscere alle nuove generazioni e a quelle che verranno le usanze del passato di una cultura paesana, di detti e modi di pensare che via via stanno andando scomparendo .

 

SIRINATA A ZITA

Passu e spassu di sta strata

Vegnu pi truvari la me zzita

A idda c’ia cantu sta sirinata

Chi è lu me ciatu e la me vita

 

Facciuzza di na rosa buttunata

Tu chi porti ‘a calamita

Scinni sutta e dammi ‘na baciata

Tu si la megghiu cosa prifirita

 

Tu chi ddommi cà testa supra ò cuscinu

E io a reti a tò porta cantu e ssonu

Sugnu bagnatu tuttu dù sirinu

Mi raffriddu pi cantari stonu

 

Aprimi stu purtuni ‘ncchiusu

n᷃chianu stu scaluni intra trasu

i to biddizi mi fannu curagiusu

si no mi apri di testa sfasu

 

sunati sunaturi sta chitarra

finu a quannu à me zita s’affaccia fora

n᷃ta lu me pettu la tegnu carra

u me cunfortu è so palora

 

ora n᷃to baccuni ti à ffacciasti

e a me buci cunuscisti

chi sugnu ’u to᷃ zitu t’assicurasti

scinnisti ‘u purtuni mi apristi

 

avi na sirata cogghiu friddu

pi vidiri a ttia facci di smiraddu

vistutu sugnu lindu lindu

’nviciniti a mmia cosi mi riscaddu

 

Vinni stà sirinata mi ti cantu

Finammenti mi facisti cuntentu

Ora capia chi mi ami tantu

D’amuri toi prutettu mi sentu

VECCHI TEMPI

Davanti à scola mi truvai a passari

Vitti tanti mammi chi so figghiceddi

Sculareddi attenti a giucari

Subbutu pinzai i vecchi tempi beddi

 

Quannu io ccarusu nnava

Nta dda stissa scola ca me buzzicedda

Me matruzza mi cumpagniava

Ricuddannimi ‘a so duci paruledda

 

Prima chi da so mani mi lassava

Mi dava nu bacittu e ‘na carizzedda

Giustannimi tuttu mi raccumannava

Sta attentu ò maestru a mammicedda

 

Io i cunzigghi soi ’i pigghiava

Capia chi erunu boni

Quannu ’u maestru spiegava

Stava attentu a lezioni

 

Mi ricuddai com’ erunu i cammareddi

U postu unn’erimu ssittati

Insiemi e’ me cumpagneddi

E ddi maestri bravi affezionati

 

Di li bidelli chi c’erunu ’na vota

Non ci nn’era nuddu presenti

‘u tempu passa gira comu na rota

Lassannici ricordi commoventi

 

Unné dda spinzirata carusanza

Senza pinzeri china di strafuttenza

Unné me matruzza brava e manza

Unni su li carizzeddi di benivulenza

 

Campanedda da scola ti sintia sunari

Unni si non stivi ‘u locu

Suli vitti a tutti di sculari

Quannu sunasti di ricugghisti ddocu

 

Io sintennu sunari a ttia

Pinzai o tempu comu cancia e fui

Non appi né lestru né fantasia

I vecchi tempi non tornunu chiui

 

 

Ultima modifica il Martedì, 24 Gennaio 2017 17:16
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Settembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30