Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

IL PITRÉ SCRIVEVA: «CU VOLI PUISIA VEGNA IN SICILIA / CA PORTA LA BANNERA DI VITTORIA». «E SI VOLI - AGGIUNGIAMO NOI – VEGNA PURU ‘O MIZZANU / UNNI C’È U MEGGHIU PUETA, TANU»

 

 sterid- di Domenico Venuti -

Ascoltavo, in un giorno di festa, nello splendido villaggio del messinese, Santo Stefano Medio (Mezzano), lieto e sorpreso, un simpatico incontro di anziani poeti popolari, che in dialetto si contendevano la rima. Mi venivano in mente nell’excursus del tempo della nostra isola, crogiuolo di vari popoli e civiltà diverse, gli antichi aedi, il poetare e cantare dei pastori, con i loro riti sacri Ero lì tra tanta gente curiosa ed interessata ad ascoltare i magnifici custodi di “tesori orali”. Erano i poeti che declamavano le loro poesie semplici e spontanee, che spesso accompagnavano con movenze cadenzate. Destava il mio interesse, in particolare uno di quei verseggiatori, un poeta di “Mezzano”, Gaetano Filone, che la gente del luogo e gli amici,chiamano “Tanu”, che per la sua carica di simpatia e capacità nel verseggiare è sempre conteso, nelle varie festività del paese. Persona semplice, bravo agricoltore, esperto negli innesti, dotato di bontà e generosità, che si dedica con amore e trasporto alla poesia, con la genuinità che lo distingue e in un dialetto, con tonalità locali. Questo,ho notato essere il suo unico patrimonio. con il quale riesce a comunicare,con energia istintiva, ricca di profonda umanità. Riesce a porgere in modo spontaneo quartine con versi fluenti ed armoniche, con le quali canta la sua vita, la sua terra natale, la campagna, San Gaetano, i suoi nipoti gemelli, i momenti tristi dell’alluvione,il mare, la suggestiva sorgente di Pietroieni. Si sofferma spesso sul sociale.:”Gaetano Filone è un poeta della tradizione popolare, E’degno di attenzione. Credo possa dire, con una punta di orgoglio:” Questa è la nostra Sicilia “Bedda “, fatta di storia, di leggende con i paladini,, di cantastorie, di fuoco e mare e di artisti e di poeti”

2014-08-02 21.50.20 rif

Gaetano Filone , è -nato a Messina il 29/01/1930- Poeta amatoriale

– ha scritto tra l’altro:“Riccardo e Marco” poesia sui primi nipoti gemelli,“Degenza in Ospedale per un intervento e successiva guarigione”“Malutempu” un solo verso in ricordo dell’alluvione che ha colpito le nostre zone”“Tirreni E Campagne“” breve poesia sull’abbandono delle campagne“ Lu Mari “ Elogio al mare“ A Suggiva di Pitrieni: “Sulla sorgente di Pietroieni “San Giovanneddu storia di un lavoro svolto “I Buddaci” sui messinesi che comprano campagne e le abbandonano“Euro” com’è cambiata la vita con l’euro “I Politici” politica e disoccupazione “U 1955” il matrimonio e il terreno dove c’è la casa dove abito oggi”L’Oratorio” sull’Oratorio S.Maria della Speranza- “Pi San Gaitanu “ elogio a San Gaetano , Patrono di Santo Stefano Medio

 

Messinaweb.eu è lieta pubblicare : la poesia in dialetto,

a carattere religioso e sociale”

 

SGaetanord

 

PI SAN Gaetanu

 

 

Iò mi ‘ghiamu, comu lu Santu

e lu pensu ogni mumentu

Lu lodo e lu vantu

Ie arrivau lu mumentu

San Gaitanu quanto pazienza ,

Santu patri di la provvidenza,

ca tutti dugna spiranza

e a tutti ni penza

San Gaitanu non potta crisi

ma potta sulu beddi cosi

dugna festa pi tuttu u paisi

cu ciuri caloffiri e rosi

Chista iè na iunnata ricuddanti

si riunisciunu amici e parenti

di cosi sinni fannu tanti

ma sulu pi ‘divettimenti

Ora parramu di la prucessioni

C’è na marea di cristiani

accompagnata di tanti soni

Cu la banda e li campani

chisti sunnu cosi veri

accompagnati di tanti preghieri

Ora c’è na bedda cosa

parramu di canni ‘nfunnata.

Poveri capri e poveri muntuni

Ni manciamu peggiu di li cani

ni spruppamu come li liuni

e alluttimu ne ‘lliccamu puri li mani

ancora non semu soddisfatti

picchi spittamu mi veni menzanotti

i facemu scappari comu li iatti

picchi fotti sunnu li nostri botti

C’è tanta genti di luntanu

vinniru pi non veniri i menu

pi diri tutti evviva San Gaitanu

pi poi scappari mi si pigghiunu u trenu

chista iè scritta di li me mani

dittata tutta di Tanu Filoni

ora ringraziamu la commissioni

chi travaggiau pi quattro simani

sulu pi fari cosi boni

e fare divettiri i cristiani

ringraziamu puru li preti

si cumputtau megghiu d’un frati

pi nudda cosa si fici a reti

e chistu mi bu ricuddati

.

                                                                                                 Gaetano Filone

Ultima modifica il Venerdì, 07 Ottobre 2016 07:11
Devi effettuare il login per inviare commenti

Calendario

« Settembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30