Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

PATRI NOSTRU SICILIANU

 

 

Trascrivo, da un vecchio manoscritto di Torre Faro, un’antica versione del Patri nostru sicilianu, invitando i miei concittadini e i siciliani tutti a inviare a questa testata altre versioni dialettali – è presumibile ne esistano molte - della stessa preghiera fondamentale.

 

 

PATRI NOSTRU SICILIANU

 

 

Facemunni la vera, santa cruci,

chidda ch’è stata a lu munti Cabbariu:

mi nni dugna a ‘razia e ‘a vera luci

lu patri nostru sicilianu.

 

Patri nostru chi stai ntà l’altu munti,

comu sarbasti li passi e li punti,

comu sarbasti ‘nta macchia la via,

sarba a ma figghiu cu la so cumpagnia.

 

Ma figghiu matineddu si isau

e cu lu pedi rittu si quasau,

appoi sinni annau a la muntagna

e vitti un bravu cacciaturi

cu na vistita magna.

 

A ma figghiu cu ci avi a fari tottu

mi avi u cori mottu,

nui autri amici e boni parenti

facemunni la vera santa cruci

e non c’è paura ‘i nenti.

 

Cu la grazia di Diu.

 

Aggiungo la versione dialettale (molto più armonica) del Padre nostro siciliano, inserita da Edoardo Giacomo Boner in Chiasso dei Marini, una novella della raccolta Sul Bosforo d’Italia, da lui pubblicata a Torino nel 1899.

 

Adoramu a sta vera Santa Cruci,

Chidda chi scisi di munti Carbariu,

Ddiu mi pozza dari menti e luci,

Lu paternostru di San Giuliano.

 

Come sarbastu li passi e li punti,

E comu sarbastu Enoccu ed Elia,

Sarbati Vanni e la so cumpagnia.

 

Vanni sta matina si livau,

Avanti a la porta si sidiu,

Li so nimuci cascaru a buccuni,

San Giuliano accompagnulu tuni.

Vanni si surgiu e annau a chiazza.

 

Pe vvia c’incuntraru i so nimici,

Vanni avi una forza di liuni

San Giuliano accompagnulu tuni.

 

 


 

Patri nostru, chi ‘ssì ‘nni li cèli,
sia santificatu lu tò ‘nnòmu,
vegna lu tò ‘rregnu,
sia fatta la tò vulintà.

Danni oj lu nostru pani jurnalèri,
e ‘ccancèlla a ‘nnuàtri, li nostri debiti,
comu nuàtri, li cancillàmu a li nostri ‘ddibbitùra,
e u’ ‘nni spingiri ‘nni l ‘ntantaziòni,
ma libbiracci di lu mali,
e accissì, sia.

Il Padre nostro dei Cattolici,
tradotto nella neo Lingua siciliana,
di Rosario Loria di Menfi (Pa)

Ultima modifica il Venerdì, 07 Ottobre 2016 07:29
Devi effettuare il login per inviare commenti